Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

I desktop manager piu diffusi e utilizzati su Linux

di Aggregator

Nei sistemi operativi Linux esistono diversi Desktop Manager (ovvero interfacce grafiche) che rispondono a gusti ed esigenze molto diverse. Possiamo essere minimalisti e quindi installare Openbox o Awesome, oppure voler una grafica più accattivante e usare KDE e Gnome. Ma quali sono le differenze e i più utilizzati?

Gnome è senz’altro il più diffuso, offre un’interfaccia semplice e personalizzabile a piacimento in ogni sua forma, si basa su librerie grafiche GTK+, e ha raggiunto in versione stabile la 2.32, mentre la prossima release, la tanto aspettata versione 3.0 dovrebbe essere rilasciata in aprile 2011 .

Presenta anche del software per le più svariate operazioni, tra cui ovviamente un browser file Nautilus, che sicuramente molti di voi conosceranno per la sua espandibilità grazie ai numerosi script che si trovano in giro per la rete.

E’ particolarmente leggero, quindi il suo utilizzo non crea problemi su nessuna macchina, anche se un po’ datata. Per chi poi volesse esagerare c’è sempre Compiz.

[adv1]

KDE è un altro desktop manager molto diffuso, presenta una grafica più Windows-Style, e per questo di solito viene preferita da molti utenti che vengono da quel mondo. E’ basato sulle librerie grafiche Qt e l’ultima versione stabile è stata rilasciata da pochi giorni (per la precisione il 4 Marzo) ed è la 4.6. Anch’èsso è personalizzabile in ogni aspetto, come tutto del resto in Linux, e presenta numerosi pacchetti software inclusi. E’ disponibile in modo predefinito in numerose distribuzioni Linux.



Fonte

Monitorare il sistema con il Gadget Multi Meter per Windows Sidebar

di Aggregator

Questo gadget per Windows ti da la possibilità di monitorare molti parametri del tuo computer per mostrare in tempo reale come si comportanto i core del processore, la memoria occupata/disponibile, la velocità della rete, i processi in esecuzione e altro. Inoltre offre tantissime possibilità di configurazione, puoi personalizzare gli elementi mostrati per visualizzare grafici e contatori tutto in un unico gadget comodo per tenere sotto controllo il proprio sistema.

[adv1]

Fonte

Differenze sistemi operativi per smartphone

di Aggregator

Se avete intenzione di comprare uno smartphone nuovo, tutti abbiamo il problema della scelta del modello e del budget, ma sorge un altro problema, quale sistema operativo è più congeniale al nostro uso e alle nostre aspettative? Di seguito una lista dei sistemi operativi per symbian più diffusi con la relativa descrizione:


Android, il sistema operativo open source di Google,adotta con le varie case produttrici una politica piuttosto libera, quindi anche se il motore è uguale per tutti, le case produttrici hanno molto spazio per personalizzare funzionalità e grafiche utenti. Quindi gli smartphone Android possono essere molto diversi appena fuori dalla scatola gli un con gli altri, e per di più non dimentichiamo che con l’immenso Store di applicazioni, senza dimenticare la possibilità di modificare e personalizzare ogni suo aspetto della grafica, è praticamente impossibile non riuscire a plasmare il vostro Android phone secondo i vostri gusti


Il sistema operativo di BlackBerry, giunto alla versione OS 6, soffre ancora di piccoli accorgimenti non presi, come la sincronizzazione delle cartelle IMAP nel client predefinito. E’ però un sistema operativo molto fluido e intuitivo, ideale per chi ha soprattutto bisogno di mail, calendario e rubrica. Dopotutto è il sistema operativo preferito dai business man.

Il sistema operativo di Iphone, iOS, invece è unico, perché è unico anche il dispositivo che lo usa. Deve piacervi, altrimenti pensate di prendere un altro smartphone, di iOS non si può cambiare molto, Apple è molto restrittiva su questi discorsi, però l’App Store vi permetterà di rendere il vostro iPhone unico comunque con le migliaia di giochi e applicazioni acquistabili.

[adv1]


Windows Phone 7, il sistema operativo di casa Microsoft, è stato recentemente lanciato sul mercato, anche se per il momento soffre di alcune piccole limitazioni che presto dovrebbero essere rimosse, come il copia incolla, o l’impossibilità di mettere in orizzontale la home screen. Si spera che Microsoft corregga queste particolarità del suo sistema operativo mobile, al più presto, per rendere più appetibile l’acquisto di un Windows Phone.

Symbian è l’unico a potersi vantare una certa longevità coi precedenti, è sul mercato con diverse versioni da molti anni ormai. E in questo campo l’esperienza conta moltissimo. Forse è anche il più neutro tra tutti, nel senso che è già completo così come appena avviate il vostro smartphone, ma se sentite la mancanza di qualcosa in particolare esiste l’Ovi Store. Un altro punto a suo favore è sicuramente Ovi Maps, un vero navigatore satellitare gratuito e performante su tutti gli smartphone.

Fonte

Recensione e caratteristiche Acer Iconia Tab W500 con Windows 7

di Aggregator

Iconia Tab W500 è il primo tablet, propriamente detto, sviluppato e commercializzato da Acer. Che il 2011 rappresenti l’anno di affermazione per le soluzioni tablet è assodato e non manca nessun produttore all’appello: chi prima chi dopo proporanno sul mercato le rispettive soluzioni tablet, andando ad arricchire questo segmento di mercato che al momento conta poche alternative reali all’iPad di Apple.

CPU: AMD C-50 (1 GHz)
Memoria RAM: fino a 2 GB DDR3
Hard disk: 32GB tecnologia flash
Schermo: 10,1 LCD con tecnologia capacitiva
Risoluzione: 1280×800 pixel
Dimensioni: 275 x 190 x 15,95 mm
Peso: 970 grammi
Connessioni Wireless: Wi-Fi 802.11 b/g/n
USB: 1 (USB 2.0)
Fotocamera anteriore: (VGA) e posteriore (1280×1024 pixel)
Bluetooth: Sì
Batteria: 3 celle 3260mAh
GPS: Sì
Sistema operativo: Windows 7 Home premium

[adv1]

La docking station è stata studiata per poter rappresentare anche la base d’appoggio del tablet: grazie ad una cerniera magnetica ed una clip di aggancio rapido il dispositivo può essere unito alla base, prendendo la caratteristica forma di un netbook.

Fonte

Widget orologio e meteo su windows in stile HTC Sense

di Aggregator

Widget Meteo/Orologio è un widget con orologio, previsioni meteo e animazioni realistiche. Potrai vedrere le nuvole fluttuare sul tuo desktop, le goccie di pioggia scivolare giù per lo schermo e addirittura scende fulmini qua e là. La qualità e la precisione delle previsioni meteo è garantita da The Weather Channel oppure MSN o altri.

[adv1]

HTC Home 2 è simile al widget meteo per smartphone HTC. Il programma può essere installato sul vostro PC con sistema operativo Windows Vista o Windows 7

Fonte

Accedere a tutte le chat con un solo programma

di Aggregator

Trillian è un accessoriatissimo client di messaggistica istantanea multi-protocollo. Se cercate un client di instant messaging che supporta tutte le chat più diffuse e vi evita di tenere aperti tanti programmi diversi con ovvio risparmio di risorse, Trillian è il programma giusto. Ricco di funzionalità, tra cui spiccano:

Supporto ai protocolli MSN, AOL, Yahoo, Google Talk, ICQ, Facebook, MySpaceIM, Skype, IRC e Twitter
Gestione email POP3/IMAP
Supporto alle Emoticon e Animoticon
Integrazione con Windows Aero
Temi personalizzabili
Supporto Widget

[adv1]

Il programma è gratuito, ed è compatibile con Windows 2000, Windows XP, Windows Vista, Windows 7 e Mac OS X.

Fonte

Condividere le proprie casse audio all’interno della rete locale

di Aggregator

SpeakerShare permette di condividere le casse audio di una macchina all’interno della rete locale, così che tutti gli altri computer ne possano beneficiare. Immaginiamo il seguente scenario: in una abitazione, collegati alla medesima rete locale, si trovano tre macchine. Diciamo, per comodità, che si tratta di un PC fisso e di due portatili. Il fisso è collocato in soggiorno ed è, premessa importante, dotato di un impianto stereo, magari di alto livello.

Ora, nel caso in cui i due giovani desiderassero sentire della buona musica tramite l’impianto Hi-Fi, dovrebbero di volta in volta copiarsi i brani desiderati dai computer personali a quello fisso di famiglia. Ma non sarebbe molto più semplice se potessero trasmettere l’audio della loro macchina direttamente al PC fisso, rimanendo comodamente seduti in poltrona e gestendo la riproduzione dal computer portatile? E non sarebbe ancora più speciale se l’audio propagato da un PC fosse intercettabile da più computer, un po’ come una radio?

[adv1]

Bene: con SpeakerShare condividere le casse audio di una macchina all’interno della rete locale diventa possibile e, aggiungerei, anche di particolare semplicità. È una procedura un po’ macchinosa la prima volta, ma assolutamente automatica per le occasioni successive. Nota a margine, ma comunque significativa, è la compatibilità di cui vanta il software, estesa da Windows XP a Windows 7 ma anche al rivale Mac OS X.

Fonte

Regolare utilizzo PC dei bambini con Windows Live Family Safety

di Aggregator

Controllo genitori è una funzionalità inclusa in Windows 7 che permette di regolamentare la disponibilità del computer e dei vari programmi ai figli, arginando le distrazioni e l’accesso a contenuti inadatti. Con Windows Live Family Safety, un componente aggiuntivo gratuito, è invece possibile gestire con grande semplicità le attività on-line.

[adv1]

Tra social network, chat, giochi, media sempre più interattivi e alla portata di tutti, è possibile che un bambino, davanti a questa traboccante e variegata quanto attraente realtà, imbocchi strade sbagliate che lo portino, nelle migliori delle ipotesi, a distrarsi o eccedere con l’utilizzo del PC.

Ai genitori viene però incontro una funzionalità inclusa in Windows battezzata come Controllo genitori, tramite la quale regolare e monitorare l’utilizzo del PC del proprio figlio. Per attivare Controllo genitori dirigiamoci nel Pannello di Controllo, cliccando poi su Account e protezione famiglia, quindi su Controllo genitori

Fonte

Avviare più sistemi operativi sullo stesso pc con VirtualBox

di Aggregator

VirtualBox è una soluzione per la virtualizzazione che permette di eseguire contemporaneamente, sul medesimo sistema fisico, più sistemi operativi uguali oppure completamente differenti tra loro. Installando VirtualBox su un sistema operativo host (ossia quello caricato sul personal computer; ad esempio Windows o Linux), esso sarà in grado di virtualizzare le risorse hardware della macchina in uso rendendo avviabili altri sistemi.

[adv1]

Qual è il vantaggio derivante dall’impiego di una soluzione per la virtualizzazione come VirtualBox? Innanzi tutto, tutte le applicazioni lanciate da qualunque macchina virtuale non interferiranno in alcun modo con il normale funzionamento del sistema “host”. Ciò significa che installando nuovi programmi in una macchina virtuale VirtualBox, il sistema “host” non subirà alcun tipo di modifica.

Il sistema “host” ed i sistemi “guest” virtualizzati lavoreranno quindi “a compartimenti stagni” senza influenzarsi a vicenda, esattamente come se si trattasse di personal computer diversi. Va sottolineato come VirtualBox, così come gli altri software della stessa categoria, permetta la configurazione di una o più schede di rete sulle macchine virtuali: ciò significa che i sistemi “guest” potranno tranquillamente connettersi ad Internet od attingere alle risorse disponibili all’interno della rete locale.

Fonte

Centinaia di software utili in un unico pacchetto con NirLauncher

di Aggregator

Da oggi è possibile ottenere tutte le utilità NirSoft in un unico pacchetto, raccolte sotto l’ombrello di NirLauncher, una compatta applicazione che funge da trampolino di lancio per tutte le applicazioni. La caratteristica principale di NirLauncher è che, così come le utilità che ospita, non richiede alcuna installazione. Anzi, il programma può essere inserito in una comune chiavetta USB in modo tale da poter eseguire al bisogno, in qualunque momento, le applicazioni comprese nel pacchetto.

Cliccando sul pulsante Password recovery utilities si possono visionare le utilità deputate al recupero di password e credenziali di accesso; Network monitoring tools permette di accedere all’elenco dei programmi per il monitoraggio dell’interfaccia di rete e lo “sniffing” dei pacchetti dati; Web browser tools consente di interfacciarsi con le funzionalità dei vari browser che si occupano della gestione della cache, dei cookie e della cronologia; Video/audio related utilities mostra le utilità per la gestione degli aspetti riguardanti audio e video, codec compresi; Internet related utilities contiene riferimenti alle utilità spiccatamente rivolte alla gestione delle operazioni in Rete; Command-line utilities elenca i programmi che funzionano da riga di comando;

[adv1]

Desktop utilities mostra i programmi che hanno a che fare con la gestione della shell di Windows e dell’interfaccia utente in generale; Outook/Office utilities ospita alcuni programmi per la verifica di alcune funzionalità di Office e del client di posta Outlook; Programmer tools raccoglie alcune utilità destinate agli sviluppatori; Disk utilities propone applicazioni correlate alla gestione del file system e delle caratteristiche dei dischi fissi (ad esempio, SMART); System utilities offre numerose utilità per la manutenzione di Windows e la risoluzione di problemi mentre Other utilities contiene altri programmi non appartenenti alle precedenti categorie.

Fonte

Come vengono fabbricate le schede video

di Aggregator

Vi siete mai chiesti da dove viene la vostra scheda grafica? È probabile che sia fatta in Cina, in una fabbrica come quella di PCPartner, azienda che possiede Zotac e si occupa appunto di produrre le schede video e altri componenti hardware per HP, Dell, Acer e Fujitsu.

La tecnica di produzione usata per assemblare queste schede è chiamata SMT, che sta per Surface-Mount Technology. Questo sistema mostra che l’efficienza è la direttiva primaria in un impianto come questo. La pasta saldante è stata applicata alle aree della scheda dove i componenti saranno montati per semplificare e velocizzare il processo di assemblaggio.

I robot possono essere bravi a fare un certo tipo di lavoro, ma ci vuole ancora un occhio umano per controllare il risultato finale. È stata applicata una saldatura troppo sottile? C’è una piccola quantità di pasta dove non deve esserci? I lavoratori controllano ogni singola scheda per scovare questi problemi e correggerli, se necessario. Dopotutto, non si desidera bruciare una scheda solo perché qualche saldatura errata ha attraversato alcuni fili. Infine, le schede sono prese e trasportate alla linea di assemblaggio successive per gli ultimi ritocchi e alcuni test.

[adv1]

Vengono testate tutte le uscite delle schede, poi viene avviato Windows per assicurarsi che la scheda funzioni come dovrebbe. Poi viene effettuato 3DMark 2006. Ognuna di queste stazioni è composta da almeno quattro persone, con ognuna che controlla 3-4 schede in parallelo. Poiché alcuni di questi test possono richiedere tra 6 e 8 minuti, alcuni passaggi di convalida hanno due di queste file dedicate.
In caso di errore, la scheda viene rimandata indietro, controllata di nuovo e riparata, se possibile.

Fonte

Windows 8 come Windows 7 ma con interfaccia Metro

di Aggregator

Microsoft ha svelato maggiori dettagli su Windows 8 e ha reso disponibile la versione Developer Preview. Tutto ruota attorno all’interfaccia Metro e al concetto di Hub e Tile. Compatibilità con i vecchi standard e nuovi linguaggi la fanno da padrone per un sistema operativo che sarà multi-dispositivo e compatibile non solo con le architetture x86, ma anche quelle ARM.

L’aspetto potrebbe far pensare ben altro, fin dalla cosiddetta lock screen, molto simile a quella di Windows Phone. La schermata iniziale, totalmente personalizzabile e composta dalle cosiddette Tile (i vari box che la compongono), è un inno all’interfaccia Metro. La nuova interfaccia sarà centrale sui tablet, e la casa di Redmond non l’ha sviluppata solo per questi dispositivi, ma anche per i classici computer, sebbene non manchi la possibilità di passare all’occorrenza a quella classica di Windows, con la barra in basso e le icone sul desktop.

[adv1]

Windows 8 utilizza per il login una Picture Password, ovvero un meccanismo per sbloccare il dispositivo mobile, che non prevede più una stringa alfanumerica da inserire, ma aree scelte dall’utente sui punti prescelti di una fotografia, un metodo originale che svela anche come gli input saranno visualizzati a schermo da un cerchio che in base all’azione, singola o multipla, può essere vuoto o pieno (spostamento o selezione).

Passo successivo è l’evoluzione di Windows Defender che protegge il sistema dal malware sin dal boot, anche se presente su una chiavetta USB collegata. Quindi, si passa velocemente al risparmio energetico con consumi praticamente azzerati in stand-by e una nuova interessante modalità, Connected Standby, che permette di mantenere attive le funzioni base di aggiornamento dalla Rete.

Task manager rivisto con possibilità di sospendere le applicazioni Metro Style, limitando l’impatto su memoria e CPU; funzione Refresh per ripristinare il sistema allo stato originario, mantenendo i file personali o Reset per riportarlo allo stato di fabbrica, entrambi accessibili dal Pannello di Controllo; demo di macchina virtuale Hyper-V e Remote Desktop Metro Style con controllo di un device touch remoto; Windows Explorer con l’interfaccia Ribbon; ricerca dei contenuti completamente ripensata (il search inizia appena si inizia a digitare e per lanciare un’applicazione basta digitarne il nome).

Fonte

Caratteristiche e video Windows Phone 7 Mango

di Aggregator

Microsoft ha ufficialmente rilasciato la nuova versione del proprio sistema operativo mobile Windows Phone, ovvero Mango. L’aggiornamento dell’OS mobile di Microsoft giunge quindi in linea con quelle che erano state le tempistiche dichiarate nell’evento di presentazione di luglio e porta con se una serie di importanti novità.

Una delle più rilevanti riguarda la gestione dei contatti con la possibilità di creare gruppi in base a tematiche specifiche come il lavoro, la famiglia o gli amici e di interagire con essi accedendo direttamente dal profilo dei contatti alle varie chat piuttosto che alla mail o agli sms.

[adv1]

Interessante anche l’intenzione di estendere i servizi Zune alle diverse piattaforme tramite cloud con Skydrive, funzione in parte già presente nella prima versione del sistema operativo che verrà però ulteriormente migliorata con Mango. Da segnalare l’introduzione della funzione di multitasking, a cui si ha accesso tenendo premuto il tasto back, e l’aggiunta dello strumento per il tethering WiFi che supporta fino a 5 dispositivi.

Fonte

Installare applicazioni Android su Windows con BlueStacks

di Aggregator

App Player è un’applicazione per Windows che consente di scaricare e provare le applicazioni Android in ambiente virtualizzato prima di installarle sullo smartphone o sul tablet. Si può usare anche per sincronizzare le applicazioni fra PC e dispositivi mobile, in modo da doverle installare una sola volta.

Il programma consente di eseguire in ambiente Windows alcune applicazioni già precaricate, ma soprattutto di installarne fino a 26 nuove scaricate dall’Android Market e quindi di avviare la sincronizzazione fra lo smartphone e il computer per trasferire al dispositivo mobile solo i programmi che si reputano davvero interessanti.

[adv1]

Una volta installato, App Player attiva un gadget sulla scrivania di Windows 7 che, quando selezionato, apre una sessione virtualizzata di Android a pieno schermo e un menù dal quale è possibile avviare una qualsiasi delle applicazioni Android.

Fonte

Recensione benchmark e test AMD FX-8150 Bulldozer otto core

di Aggregator

Processore AMD FX-8150 con architettura Bulldozer: 8 core design Zambezi, Frequenza base 3.6 GHz (18 * 200 MHz), Frequenza Turbo Core 3.9 GHz, Turbo Core massimo 4.2 GHz, Cache L2 totale 8 MB, Cache L3 condivisa 8 MB, Socket AM3+, TDP 125 W, Processo produttivo 32 nanometri.

[adv1]

PCMark 7 non isola necessariamente le capacità specifiche di ogni determinata piattaforma perché è composta da componenti Windows 7. La suite fa uso di quanti più core ha a disposizione, anche se qualcuno afferma il contrario. Detto questo l’FX-8150 è in grado solamente di superare di poco il Phenom II X4 980 – un processore quad-core a 3.7 GHz. Core i5-2500K e i7-2600K sono notevolmente più veloci nel punteggio generale di PCMark 7.

L’FX si piazza malissimo nella parte Entertainment, nella quale sono preponderanti grafica, riproduzione video e transcodifica e archiviazione. Finire dietro ai precedenti portabandiera quad-core e hexa-core non è un grande risultato. Fortunatamente il resto dei risultati mostra che Zambezi è almeno al livello dei vecchi chip.

Nel miglior scenario possibile, quando caricate tutti gli otto core integer dell’FX, questo processore ricade generalmente tra il Core i5 2500K e il Core i7 2600K – un posto in cui dovrebbe apparire sempre, dato il prezzo. A volte l’FX riesce a comportarsi meglio del Core i7 2600K, ma altre è battuto in modo imbarazzante dai predecessori con carichi di lavoro threaded.

Fonte

Guida rimozione files temporanei e pulizia registro sistema

di Aggregator

CCleaner é un programma per ripulire il computer dai file inutili che occupano spazio prezioso e appesantiscono il sistema operativo. Svuota la cartella dei file temporanei internet e dei cookie, permettendo di selezionare i cookie da conservare, fa una pulizia del file di registro, svuota la cartella dei file temporanei di sistema e molto altro.

[adv1]

1- Per prima cosa scaricare il programma da questo link: Sito ufficiale Piriform CCLeaner

2- Selezionare la lingua e premere avanti:

3- Accettare le condizioni e procedere con l’installazione selezionando le seguenti opzioni:

4- Avviare il programma e nella schermata pulizia cliccare prima Analizza e poi Avvia Pulizia

5- A pulizia completata nella schermata Registro cliccare Trova problemi e poi Ripara selezionati

N.B. per precauzione è consigliabile fare il backup delle modifiche al registro prima di procedere con la riparazione.

Fonte

Programmi per gestire l'avvio automatico in Windows e del computer

di Claudio Pomes
E' arrivato il momento di fare un riepilogo riguardante i migliori programmi Windows che servono a gestire l'avvio del sistema operativo Microsoft. Gestire l'avvio o il boot del computer significa...

Continua...

Caratteristiche Tablet Microsoft Surface con Windows 8

di Aggregator

Microsoft ha presentato Surface, due nuovi tablet corredati da accessori basati su Windows 8 Pro e Windows RT. Il tablet Surface con Windows RT (e Office 15, o meglio Office Home & Student 2013 RT) integra un system on chip Nvidia Tegra 3, è spesso 9,3 millimetri, pesa 676 grammi e ha uno schermo ClearType HD da 10,6 (16:9, 1366 x 768 pixel). Disponibile in versione da 32 e 64 GB, questo prodotto ha un’antenna 2×2 MIMO, uno slot microSD, una USB 2.0 e una HDMI. Non mancano una fotocamera frontale, una posteriore e microfoni. La batteria è da 31,5 Wh.

Il tablet Surface con Windows 8 Pro integra una CPU Intel Core i5 di terza generazione (architettura Ivy Bridge a 22 nm), è spesso 13,5 millimetri, pesa 903 grammi e ha uno schermo ClearType Full HD da 10,6 (16:9, risoluzione 1080p, 1920×1080 pixel). Offerto in capacità di 64 e 128 GB, questo prodotto ha uno slot microSDX, una porta USB 3.0, un’interfaccia miniDisplayPort e un’antenna 2×2 MIMO. Insieme al dispositivo Microsoft mette a disposizione Touch Cover, Type Cover e quello che è stato chiamato Pen with Palm Block, un pennino. La batteria è da 42 Wh.

[adv1]

Microsoft ha anche creato due cover. La prima si chiama Touch Cover ed è una soluzione spessa tre millimetri basata su una tecnologia sensibile alla pressione. Si tratta a tutti gli effetti di una cover con trackpad multitouch e tastiera con tasti virtuali che vi permetterà di interagire più rapidamente rispetto alla tastiera virtuale. La seconda è stata denominata Type Cover, e si tratta di una soluzione più tradizionale con tastiera tattile con touchpad, per uno spessore di circa 5,5 mm.

Fonte

Microsoft Windows Phone 8 basato sul kernel di Windows 8

di Aggregator

La nuova versione del sistema operativo mobile di casa Microsoft, Windows Phone 8 Apollo, porterà con se diverse novità importanti, tra cui un nuovo kernel basato su quello di Windows 8, nuove API, ed un’interfaccia grafica rinnovata più simile a Metro. Apollo introdurrà finalmente il supporto ai processori multi-core, alle schede di memoria esterne SD ed a due nuove risoluzioni per lo schermo, da 1280×768 e 1280×720 pixel, permettendo ai device studiati per questo sistema di competere con i concorrenti Android.

L’interfaccia è stata rinnovata in modo da somigliare maggiormente alla nuova UI di Windows 8 Metro, con le varie piastrelle regolabili maggiormente in altezza e larghezza. Le applicazioni non dovranno più essere scaricate per forza dallo Store Microsoft, ma sarà possibile installarle anche da sorgenti esterne.

[adv1]

Tra quelle preinstallate, troveremo la stessa versione di Windows Internet Explorer 10 presente in Windows 8 (naturalmente solo nella declinazione studiata per Metro), ed un nuovo sistema di portafoglio virtuale, il quale sfrutta l’avanzata tecnologia NFC.

Fonte

Differenze versioni Microsoft Windows 8 e Windows RT

di Aggregator

Windows 8 è la nuova versione del sistema operativo più diffuso al mondo, le cui due caratteristiche peculiari sono il carattere multidevice “nativo” e la nuova interfaccia (Modern UI, basata su Metro UI di Windows Phone) ottimizzata per il controllo touch. Ma qui c’è subito il rischio di fare confusione: Windows 8 è formalmente solo il sistema operativo per i PC, in tutte le loro varianti (desktop, all-in-one, notebook, ultrabook, “convertibili”…) e per i tablet dotati di processore con architettura x86. Fine.

È disponibile in tre versioni, “regolare”, pro ed Enterprise, ma non funziona su tablet con processore ARM né tantomeno sui telefoni: per i primi è stato realizzato Windows RT, per i secondi Windows Phone 8. Questi, pur facendo parte dell’ecosistema Microsoft di ultima generazione e condividendo l’interfaccia Modern UI, NON sono Windows 8. La cosa ha ripercussioni pratiche: mentre Windows 8 è compatibile con le app del Windows Store ma anche con tutti i programmi desktop passati (i programmi “legacy”), Windows RT è compatibile solo con le app del Windows Store, pur disponendo anch’esso di una modalità desktop per la gestione dei file e per alcuni specifici programmi compatibili (come Office 2013 RT). Attenzione, dunque, a non far confusione: con l’arrivo di molti tablet “convertibili”, dotati cioè di tastiera fisica collegabile, il rischio di acquistare un Windows RT pensando di poterci installare di tutto e di più è quanto meno fondato.

Interfaccia touch e “modern”, la novità N.1
Fermo restando che il desktop tradizionale è comunque disponibile, la principale novità di Windows 8 è l’eliminazione del pulsante Start, al cui posto arriva la schermata Start, in chiaro stile Windows Phone. I programmi diventano app e sono le tradizionali “mattonelle” (tile) ben conosciute agli appassionati di smartphone, ampie, colorate e animate: molte sono preinstallate, come quelle relative ai contatti, alla posta, al desktop (che attiva la modalità desktop “tradizionale”) e ai contenuti multimediali, ma per scaricarne di altre è stato creato appositamente il Windows Store. Seguendo un’impostazione comune nel mercato mobile, anche quest’ultimo è formalmente un’app. I contenuti del Windows Store non sono compatibili con le versioni precedenti di Windows e sono realizzati per essere riprodotti a schermo pieno e per sfruttare con semplicità il touchscreen: il successo di queste app e la semplicità di utilizzo su diversi strumenti e piattaforme sarà alla base del successo dell’intero sistema operativo.

Windows 8 è stato concepito fin dagli albori per essere usato indifferentemente su display touch o con la tradizionale accoppiata di mouse e tastiera: per accedere a opzioni avanzate, configurazioni e funzionalità extra, è sufficiente scorrere un dito dal bordo di uno dei lati del tablet verso l’interno. A seconda del lato, compariranno opzioni specifiche, e lo stesso si può fare (pur con più difficoltà) con il mouse e la tastiera. Per ritornare alla schermata Start basta premere l’apposito pulsante sulla tastiera oppure, nel caso dei tablet, il tasto fisico presente nella cornice dell’apparecchio.

Fonte

❌