Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Baptiste arriva in Overwatch il 19 marzo

Il trentesimo eroe del roster di Overwatch sta per debuttare: Blizzard ha rivelato il giorno in cui sarà disponibile a tutti i giocatori

Download di software e videogiochi digitali senza spedizione da Amazon

di WindowsBlogItalia

Amazon Italia ha inaugurato un nuovo servizio che permette di scaricare software e videogiochi immediatamente dopo l’acquisto, senza dover attendere la spedizione. Software e giochi digitali su Amazon Su Amazon Italia trovate le due nuove sezioni Software Downloads e Game Downloads, dedicate e software e videogiochi digitali. Questi ultimi sono disponibili in formato digitale, in […]

Puoi leggere l'articolo Download di software e videogiochi digitali senza spedizione da Amazon in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Tutti propongono 50GB, chiamate ed SMS illimitati. Ecco le offerte di telefonia di Venerdì 15 Marzo

Tante le offerte che si susseguono per quanto concerne i vari operatori della telefonia mobile. Spesso diventa difficile capire effettivamente se una determinata offerta è ancora valida e come è possibile soprattutto attivarla se andando in un negozio o se è possibile farlo online.

Canon EOS-1D X Mark III: non rivoluzione ma evoluzione, stando ai rumors

La nuova Canon EOS-1D X Mark III sarà la nuova fotocamera per il mercato professionale. Mancano ancora informazioni sulle specifiche tecniche, ma sembra che non sarà una rivoluzione quanto un'evoluzione del modello attuale.

Le watch face di Mobvoi disponibili sul Play Store anche per tutti gli smartwatch Wear OS

di Roberto F.

Sono state pubblicate sul Play Store diverse delle watch face disponibili per i vari TicWatch di Mobvoi. Sono 37 e possono essere installate su tanti smartwatch

L'articolo Le watch face di Mobvoi disponibili sul Play Store anche per tutti gli smartwatch Wear OS proviene da TuttoAndroid.

Guida autonoma: il test del Co-Pilot360 su Ford Focus

di Donato D'Ambrosi

Continua la rassegna di test Euro NCAP sui sistemi di assistenza alla guida o di guida semi autonoma, dopo aver visto in azione la DS 7 Crossback, l’Audi A6 e la BMW Serie 5. Questa volta nel video che vi proponiamo qui sotto viene messo alla prova il Co-Pilot360 che equipaggia la Ford Focus. Un sistema che secondo Euro NCAP non illude il conducente di poterlo sostituire totalmente e sembra dare il meglio (e meglio di altre auto) soprattutto nelle situazioni di guida longitudinale. Va peggio invece quando un’auto taglia la strada alla Focus e si immette all’improvviso sulla carreggiata monitorata dal sistema Co-Pilot360 Ford.

ASSITENTE ALLA GUIDA NON INVADENTE

Nelle valutazioni del sistema Co-Pilot360 della Ford Focus, Eur NCAP evidenzia subito il rischio nullo che il guidatore possa sopravvalutare le funzionalità di guida autonoma del sistema. Sia il manuale che le indicazioni sul quadro della Focus pongono sempre il conducente al centro del controllo dell’auto. Ma non per questo il sistema resta dormiente quando il guidatore si distrae troppo. Alla richiesta di tenere le mani sul volante, serve una impercettibile sterzata per non illudere il sistema sfiorando solamente la corona. E se il guidatore ignora la richiesta del Co-Pilot360, l’auto viene gradualmente arrestata portandola in una condizione di sicurezza.

A 130 KM/h ALLERTA SOLO IL CONDUCENTE

Nei test di guida a velocità autostradali il Co-Pilot dà il meglio di se. Sebbene – come ricorda Euro NCAP – non funzionando tramite GPS, al sistema basta una chiara segnaletica orizzontale per funzionare al meglio anche su strade extraurbane. Come si vede nel video qui sopra, quando il Co-Pilot360 della Ford intercetta davanti un’auto ferma, attiva la frenata di emergenza sia da 50 km/h sia da 80 km/h. Lo stesso però non avviene se l’Adaptive Cruise Control è impostato a 130 km/h. In questo caso il guidatore riceve solo un “warning” ed è invitato a prendere il controllo dell’auto per evitare l’impatto.

FRENA CON OSTACOLI FERMI E MOBILI

Quando davanti alla Ford Focus si para all’improvviso un’auto lenta ma in movimento a 20 km/h, il Co-Pilot360 attiva la frenata di emergenza anche se l’ACC è settato a 100 km/h. Quando la differenza di velocità sale a 70 km/h (60 per l’auto lenta e 130 km/h per la Focus) il Co-Pilot360 chiede al guidatore di mettere le mani sul volante e attiva la frenata di emergenza. Anche quando la differenza di velocità è di 5 km/h (50 contro 55) il comportamento è buono, immaginando un contesto meno autostradale.

VEDE MENO GLI OSTACOLI TRASVERSALI

Va peggio invece nelle situazioni di traffico cittadino o intenso, dove è più facile che le auto possano all’improvviso cambiare corsia. Sono le situazioni che Euro NCAP riproduce con i test Cut-in e Cut-out. Con il test Cut-out, un’auto lepre precede la Ford Focus e si sposta all’improvviso rivelando un ostacolo fermo: in questo caso il Co-Pilot360 riesce da 70 km/h a fermare quasi completamente l’auto. Mentre se all’improvviso un’auto cambia corsia e si mette di traverso davanti all’auto (Cut-in) il Co-Pilot360 della Focus non riesce a fare nulla. Nonostante la velocità relativa delle due auto (10 km/h contro i 50 km/h) solo l’intervento del conducente riesce ad evitare l’impatto.

L'articolo Guida autonoma: il test del Co-Pilot360 su Ford Focus proviene da SicurAUTO.it.

Tesla: ecco la Model Y, il SUV da 7 posti a meno di 40 mila dollari

di Redazione

Tesla sì, Tesla no: la Casa automobilistica di Elon Musk non lascia indifferenti. Anzi, divide in grandi sostenitori e altrettanto grandi detrattori. Lasciamo da parte gli schieramenti, e lasciamo da parte anche le contrastanti considerazioni sull’effettiva situazione finanziaria e le elucubrazioni grado di attendibilità delle dichiarazioni del visionario Musk. Concentriamoci sui fatti. Dopo la Model 3, continua l’espansione commerciale di Tesla con un secondo modello dal costo più accessibile. È un SUV da circa 4,5 metri di lunghezza e si chiama Model Y, annunciato in anteprima pochi giorni fa, e sarà in vendita a partire dal 2020. È stato lanciato ieri nel Design Studio californiano di Palo Alto dallo stesso Musk, che ha definito la Model Y la nuova punta di diamante di Tesla, visto che nelle previsioni questo solo modello dovrebbe superare i volumi di vendita fatti registrare complessivamente da Model S, X e 3.

QUATTRO POWERTRAIN DISPONIBILI

Tesla non si è accontentata di presentare un unico modello di Model Y. L’auto sarà offerta in quattro diverse versioni: Standard Range, Long Range, Dual Motor AWD e Performance. Non usciranno tutti insieme: il loro debutto sarà scaglionato. La prima versione che verrà messa in vendita sarà la Long Range, attesa per l’autunno 2020, che partirà da un prezzo di listino di circa 47.000 dollari (più caro sarà il listino in Italia, i cui dettagli ancora non sono disponibili). Sarà accompagnata sul mercato dalla Dual Motor AWD, con due motori elettrici e trazione integrale (per un prezzo base di 51.000 dollari) e della Performance (60.000 dollari). Bisognerà aspettare la primavera del 2021 per l’allestimento più economico, la Standard Range, che partirà da un prezzo di listino negli Usa pari a 49.000 dollari.

L’AUTONOMIA VARIA TRA 370 E 480 KM

Scendendo nel dettaglio, i quattro modelli si differenziano soprattutto su quello delle prestazioni, che di poco differiscono da quelle della berlina Model 3. La Model Y Standard Range, a trazione posteriore e con un’autonomia dichiarata di 370 km, promette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in circa 5”9 e una velocità massima di 193 km/h. La Long Range, sempre con due ruote motrici, promette prestazioni migliori: 0-100 km/h in 5,5 secondi, velocità di punta a 209 km/h e 483 km di autonomia. Gli apici si raggiungono però con le ultime due versioni, entrambe a trazione integrale: la Model Y Dual Motor AWD toccherà i 217 km/h, autonomia di 450 km, 0-100 km/h in 4,8 secondi; la Performance, che già nel nome dichiara la propria indole. Sarà la più rapida, con una velocità massima di 240 km/h, 0-100 km/h in poco più di 3,5 secondi e un’autonomia identica a quella della Dual Motor AWD.

IMPARENTATA CON LA MODEL 3

La Model Y mostra la parentela con la Model 3 anche nell’aspetto. Variano le proporzioni (la Y è più lunga e più alta) ma restano tutti gli stilemi che caratterizzano la produzione Tesla recente. Dentro la Model Y presenta un abitacolo praticamente identico a quello già visto sulla berlina compatta. Salendo a bordo si nota subito il touchscreen da 15″ al centro della plancia, con il quale si governa la vettura in ogni sua funzione. Internamente, la differenza principale dalla Model 3 è rappresentata dalla possibilità di installare la terza fila di sedili. La diversa forma del tetto, infatti, garantisce la possibilità di offrire una configurazione a sette posti. Anche lo stile degli esterni ricalca fondamentalmente quello del precedente modello.

L'articolo Tesla: ecco la Model Y, il SUV da 7 posti a meno di 40 mila dollari proviene da SicurAUTO.it.

Sophos mostra quanto è vulnerabile il protocollo Bluetooth

Il Bluetooth è un protocollo fondamentalmente insicuro. Sophos ha colto l'occasione del MWC per mostrare in tempo reale quanto può essere semplice intercettare i dati delle comunicazioni usando hardware a basso costo.

Da Xiaomi il caricabatterie davvero wireless con batteria integrata da 10.000 mAh

Xiaomi Solove 10000 mAh è un caricabatterie wireless che può essere utilizzato anche senza connessione alla rete elettrica, quindi in totale mobilità

OxygenOS: ecco come potrebbe cambiare la personalizzazione Android di OnePlus

Il futuro OnePlus 7 potrebbe portare migliorie anche alla OxygenOS; OnePlus, grazie alla PMChallenge ha avuto diversi spunti per migliorarla. Ecco ecco alcune probabili schermate.

Veritas Technologies acquisisce APTARE

Veritas Technologies, leader mondiale nella protezione dei dati aziendali e nel mercato del software-defined storage, ha acquisito APTARE, Inc, azienda californiana specializzata nelle soluzioni di analytics per ambienti cloud ibridi.

Con Steam Link Anywhere è possibile lo streaming del gioco completo da PC su Android

di Roberto F.

Il team di Valve ha annunciato nelle scorse ore importanti novità per gli utenti Steam: stiamo parlando del servizio Steam Link Anywhere. Ecco di cosa si tratta

L'articolo Con Steam Link Anywhere è possibile lo streaming del gioco completo da PC su Android proviene da TuttoAndroid.

Rivoluzione ai vertici in Facebook per prepararsi al lancio di una piattaforma unificata

di Roberto F.

Il CEO di Facebook ha reso noto che due importanti dirigenti hanno lasciato il colosso dei social network: si tratta di Chris Cox e Chris Daniels. Ecco tutti i dettagli

L'articolo Rivoluzione ai vertici in Facebook per prepararsi al lancio di una piattaforma unificata proviene da TuttoAndroid.

Mercato auto Europa: -1% con 1,15 milioni di immatricolazioni a febbraio

di Donato D'Ambrosi

Il mercato auto Europa fa i conti con le immatricolazioni in diminuzione anche a febbraio 2019. Secondo il report ANFIA su dati ACEA (l’associazione europea dei Costruttori), tra i maggiori Paesi in cui si vendono più auto, quelle diesel continuano a diminuire in Italia (-21%) e Spagna (-29%). Una diminuzione significativa rispetto alla media europea (-13%) e al trend inverso della Germania, dove invece la vendita di auto diesel è cresciuta del +3% rispetto a febbraio 2018. Ecco il quadro generale del mercato Europa visto attraverso le immatricolazioni auto dei 5 maggiori mercati di Spagna, Italia, Francia, Regno Unito e Germania.

LA SPAGNA PERDE L’8,8% DI IMMATRICOLAZIONI

Rispetto a quanto succede in Italia – leggi qui le immatricolazioni di febbraio, nel mercato auto Europa la Spagna registra il minor calo di vendite di tutti i principali mercati: -8,8% di immatricolazioni. Solo 100.701 immatricolazioni auto che sono per la maggiore auto a benzina (60%). Sebbene con una quota del 10%, le auto ibride (elettriche e a gas) ed elettriche registrano un picco di crescita importante: +128% le auto elettriche; +24,5%  le ibride plug-in; +89% le ibride a gas; +31% le ibride elettriche-benzina.

LA FRANCIA MANTIENE IL 34% DI DIESEL

In Francia c’è un’inversione di tendenza a febbraio 2019 rispetto al mese dell’anno scorso: il mercato riguadagna il +2,1% di immatricolazioni, con un totale di 172.438 auto vendute. In Francia le vendite di auto diesel calano del -11%, fermandosi al 34% delle immatricolazioni. Di conseguenza le auto a benzina vendute si fermano al 58% in volume ma guadagnano il 5% rispetto allo scorso anno. Le auto ad alimentazione alternativa sono solo il 6,7% delle quote totali ma meglio che nel Regno Unito. Le auto elettriche sono aumentate del +46%, le auto ibride tradizionali del +1%, mentre le ibride Plug-in del +7%.

GERMANIA, BOOM DI AUTO A GPL

In Germania il mercato dell’auto si riprende più di tutti a febbraio 2019: le auto immatricolate sono aumentate del +2,7%. A un ripresa delle vendite di auto diesel (+3%) corrisponde un calo delle vendite di auto a benzina del -2,5%. Ma il vero boom riguarda le vendite di auto a GPL (+95% rispetto al 2018) rispetto a un calo del 68% di auto a metano. Anche in Germania, le vendite di auto elettriche aumentano del +82%, le ibride +83%, mentre calano le ibride Plug-in del -14%.

NEL REGNO UNITO IL 65% DI IMMATRICOLAZIONI A BENZINA

Anche il mercato inglese si riprende timidamente il +1,4% di immatricolazioni con un totale di 81.969 auto nel mercato auto Europa. Anche nel Regno Unito le auto diesel scendono sotto la quota di vendite del 30% a fronte di un recupero delle auto a benzina che costituiscono il 65% di vendite a febbraio. Le auto ad alimentazione alternativa rappresentano ancora quote molto basse (2,6% del totale), ma le vendite sono in ascesa per le elettriche (+106%), per le ibride (+33%), per le ibride Plug-in (+15%).

IL BILANCIO DEI COSTRUTTORI IN EUROPA

Tra i principali Gruppi automobilistici di Costruttori, sono pochi quelli che registrano un segno positivo nel cumulativo delle immatricolazioni tra i vari brand rispetto al mese di febbraio 2018. PSA Group cresce del +1% trainato da Citroen. Renault Group deve il +0,3% ai numeri positivi di Lada. Daimler fa +5,6% dalla media di Mercedes (+4,6%) e Smart (+9,1%). Poi ci sono Volvo Car Corp. (+7,6%) e Mitsubishi (+29,1%). Guarda tutti i dati nel pdf scaricabile qui sotto.

L'articolo Mercato auto Europa: -1% con 1,15 milioni di immatricolazioni a febbraio proviene da SicurAUTO.it.

Huawei P SMART+ 2019 ufficiale con tripla fotocamera

di Francesco Ciannamea


La società cinese annuncia l’arrivo sul mercato di Huawei P Smart+ 2019 con tripla fotocamera dotata di AI e display FullView con notch a goccia. Scopritelo nel nostro articolo.

(...)
Continua a leggere Huawei P SMART+ 2019 ufficiale con tripla fotocamera su Androidiani.Com

© francescociannamea for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Spotify contro la 'Apple Tax': denunciata Apple alla Commissione Europea

La società ha depositato una denuncia nei confronti di Apple in cui si dichiara parte lesa per via della Apple Tax applicata su tutti gli acquisti e abbonamenti avvenuti su App Store

Tesla Model Y è realtà. Ecco la nuova auto elettrica con 7 posti di Elon Musk

Tesla Model Y è stata ufficialmente annunciata da Elon Musk. Un crossover elettrico americano basato sulla Model 3 che arriverà nell'autunno del 2020 con tante novità e soprattutto 7 posti. Si può già prenotare anche in Europa.

Facebook aggiunge una nuova scheda dedicata ai giochi

di Roberto F.

Il team di Facebook ha annunciato nelle scorse ore che sta introducendo una scheda "Facebook Gaming". Scopriamo insieme come funziona e cosa offre

L'articolo Facebook aggiunge una nuova scheda dedicata ai giochi proviene da TuttoAndroid.

Dacia presenta la versione speciale Techroad con nuovo 1.3 TCe

di Redazione

Il successo del marchio Dacia è sotto gli occhi di tutti. Il brand romeno, da quando è stato lanciato in Italia da Renault, che ne detiene la proprietà, è costantemente cresciuto e ha raggiunto oggi il 3% della quota del mercato italiano. Trainata soprattutto dalla Duster e dalla Sandero, la Casa di Pitesti ha conquistato consensi grazie a modelli razionali e concreti, che si sono da sempre distinti per un ottimo rapporto tra i contenuti offerti e il prezzo di vendita. Oggi Dacia compie un passo in avanti notevole e presenta l’inedita versione Techroad che viene resa disponibile su tutti i modelli in commercio, dalla Duster alla Sandero Stepway passando per Logan MCV, Lodgy e Dokker. Si caratterizza per un look ricercato e per la ricca dotazione di serie.

UN TOCCO DI SPORTIVITÀ NON GUASTA

Esteticamente le versioni Techroad si riconoscono per la carrozzeria in Rosso Fusion o, in alternativa, in Grigio Magnete. Alla verniciatura aggiungono calotte dei retrovisori nere con inserti rossi, cerchi in lega con finitura diamantata – da 16” su Sandero, Lodgy, Logan e Dokker, da 17” su Duster – e, solo sulla Duster e sulla Sandero Stepway, di una decal con scritta Techroad sulla fiancata. Salendo a bordo, le Dacia Techroad presentano rivestimenti specifici per i sedili e inserti in Rosso Vulcano.

UNA DOTAZIONE AL TOP

A livello di dotazione, le versioni Techroad si piazzano al top dell’offerta Dacia e offrono, di serie, una buona quantità di dispositivi. Si va dalla Keyless Entry al sistema di infotainment Media Nav Evolution con touchscreen da 7” con compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, di sensori di parcheggio e telecamera posteriore. A richiesta si può scegliere anche il climatizzatore automatico al posto di quello manuale.

ANCHE PER DACIA È L’ORA DEL 1.3 TCE

Con l’arrivo della serie speciale Techroad, Dacia introduce a listino anche i motori di ultima generazione frutto della collaborazione dell’Alleanza (Nissan-Renault-Mitsubishi) con Daimler. Si tratta del 1.3 TCe, un quattro cilindri turbo-benzina dotato di filtro anti particolato. Sulla Duster è disponibile nelle varianti di potenza da 130 o 150 CV, mentre su Lodgy e Dokker solo nella versione da 130 CV.

A BENZINA, DIESEL E ANCHE GPL

I modelli della serie speciale Techroad sono disponibili con motori benzina, Diesel e anche Gpl. In generale, rispetto alle altre versioni a listino dotate di pari accessori, offrono un vantaggio per il cliente di circa 300 euro. La Sandero Stepway Techroad ha un prezzo di partenza di 12.450 euro; la Duster Techroad parte da 16.350 euro; la Logan MCV Techroad parte da 14.000 euro; la Lodgy Techroad parte da 14.300 euro; la Dokker Techroad parte da 13.900 euro. In concomitanza con la presentazione delle Dacia Techroad, la Casa ha anche introdotto una nuova formula di finanziamento a 60 mesi che permette di entrare in possesso di una vettura Dacia a partire da 3 euro al giorno di spesa (è il caso della Sandero).

L'articolo Dacia presenta la versione speciale Techroad con nuovo 1.3 TCe proviene da SicurAUTO.it.

❌