Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Classifica pagine più visitate su Wikipedia nel 2012

di Aggregator

Tra le 993.636 voci presenti nella versione italiana di Wikipedia, quella più visitata del 2012 è quella della serie televisiva Grey’s Anatomy (2.592.423 di visite), seguita da Italia (2.519.023 visualizzazioni) e Roma (2.243.094 di visite). Fuori dal podio troviamo un’altra serie televisiva, Gossip Girl e la boyband idolo dei teenager One Direction, seguiti dalla serie tv The Vampire Diaries e Juventus Football Club.


Chiudono la top 10 il calciatore argentino Lionel Messi, il cantautore Lucio Dalla – cercato 1.688.624 in questo 2012, anno della sua scomparsa – e un must di quest’anno: Profezie sul 21 dicembre 2012, pagina visualizzata ben 1.623.155 di volte. E se la situazione italiana non fosse abbastanza curiosa, vi riportiamo anche qualche stranezza in arrivo dalle altre versioni di Wikipedia.

[adv1]

La pagina più visualizzata della versione inglese di Wikipedia e di quella spagnola è stata quella di Facebook, vista rispettivamente 32.647.942 e 11.217.715 di volte. In cima alla classifica della versione giapponese, invece, c’è l’elenco degli attori pornografici nazionali, visualizzata 18.569.543 di volte.

Oltre 12 milioni di olandesi hanno chiesto a Wikipedia spiegazioni sul Monte Hua, in Cina, mentre i vicini tedeschi hanno visitato più di 10 milioni di volte la pagina di Sackgasse, il cul-de-sac. I danesi hanno visionato quasi 800 mila volta la pagina del tè, mentre quella più vista in Vietnam – poco più di 2 milioni di volte – è quella dedicata alle posizioni sessuali.

Fonte

Alcar Italia

di marcello

Nascosta nel verde dell’operosa Brianza ha sede l’Alcar Italia. filiale italiana delle 30 attive in 18 Paesi di Alcar, che con i suoi tre marchi produce cerchi in lega leggera e acciaio per l’aftermarket automotive dedicati sia al tuning che alle auto sportive e da turismo. Segno distintivo di  Alcar sono ruote di qualità e design, che trovano una degna cornice nei moderni uffici e nell’immenso capannone di Alcar Italia, nella quiete del Parco del Fiume Lambro. Qui sono stoccati i cerchi, pronti per essere distribuiti su tutto il territorio italiano per la gioia degli automobilisti attenti tanto al look quanto al contenuto tecnologico. La qualità è il fiore all’occhiello del gruppo internazionale Alcar, che ha la sede e il centro sviluppo e progetto in Austria vicino a Vienna, e due stabilimenti di produzione in Germania e in Svizzera. In Germania, nei pressi di Colonia, ci sono le fonderie della produzione in lega leggera mentre in Svizzera, vicino a Lugano nella ex fabbrica Ambrosetti Ruote, c’è lo stampaggio dei cerchi in ferro. La convinzione che la ruota aftermarket sia solo in lega leggera è smentita da Corrado Bergagna, amministratore delegato e “creatore” di Alcar Italia fin dalla sua nascita nel 2004. La lega leggera è una ricerca estetica e una necessità quando si parla di tuning, mentre per il secondo treno di pneumatici invernali è richiesto soprattutto il cerchio in ferro; quelli Alcar, oltre ad essere di elevata qualità e verniciati con speciali protettivi resistenti al sale sparso in inverno sulle strade, hanno differenti disegni e sono personalizzabili con il copricerchio dedicato in modo da non pregiudicare l’estetica del veicolo.

Alcar Italia

Il punto di forza Alcar vanta tre marchi di cerchi in lega leggera, Aez, Dotz e Dezent, rivolti a differenti clientele, ma accomunati dall’alta qualità del prodotto. Nello stabilimento tedesco la produzione è automatizzata con severi controlli ai raggi X, controlli micrometrici dimensionali, prove di tenuta all’aria, test di resistenza agli urti e alla flessione. Non meno importante è il controllo della verniciatura, che protegge la lega leggera e la isola dagli agenti atmosferici. Proprio per garantire la massima affidabilità nel tempo, Alcar ha sviluppato lo speciale processo multistrato SR3 di rivestimento del cerchio, proteggendolo dagli elementi più aggressivi come il sale sparso d’inverno sulle strade. Tre strati protettivi estremamente duri, applicati al cerchio e cotti al forno fino a 210 °C, resistono ai test più severi: come una cannonata di neve da 120 kg di peso o un blocco di sale stradale e ghiaccio di 20 kg lanciato dall’alto. Il risultato è uno strato superficiale protettivo garantito tre anni! Le ruote Alcar, certificate TÜV Austria e omologate KBA Ministero dei Trasporti Tedesco, rispettano le due normative ECE 124 (per le ruote sostitutive con misure uguali a cerchio di primo equipaggiamento) o NAD, per misure differenti ma compatibili con il veicolo su cui saranno montate. “Con la certificazione NAD e con l’attestato rilasciato dal gommista del lavoro eseguito a regola d’arte” – puntualizza Bergagna – “è possibile omologare a libretto una misura differente da quella di serie, per il tuning del veicolo.” Il fiore all’occhiello di Alcar Italia è il configuratore 3D, che permette di visualizzare sul sito internet dell’azienda come appare ciascun veicolo con le diverse finiture di cerchio. “Col marchio Dezent produciamo 14 differenti disegni dal look giovane”, prosegue Bergagna “sono ruote belle e funzionali, adatte ad esempio al secondo treno di ruote invernali.”

Aez è il marchio premium di cerchi eleganti e raffinati, realizzati in 9 diversi design. Dotz invece è dedicato al tuning perché ha un aspetto più aggressivo e grintoso, realizzato in 4 diversi disegni. Ogni ruota è disponibile in più tinte come il silver, il graphite, il dark o il bicolore. Dotz è “lo sportivo” per eccellenza e il preferito nel drifting come nelle elaborazioni estetiche estreme. Ma se l’occhio vuole la sua parte, la sicurezza non deve mai passare in secondo piano. Per questo il cerchio è corredato, quando necessario come ad esempio con la certificazione NAD, di bulloneria dedicata che garantisca il serraggio ideale, soprattutto che non si allenti con le vibrazioni. “Il bullone è importantissimo per la sicurezza – spiega Bergagna – e non deve essere mai sottovalutato. È l’elemento che unisce la ruota all’auto ed è fondamentale per viaggiare sereni. Ma un altro elemento importantissimo è l’aria, quella contenuta all’interno della ruota. Per questo Alcar ha in catalogo anche una vasta serie di sensori TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) per controllare l’esatta pressione dell’aria tra il pneumatico e il canale del cerchio. Se le ruote Alcar sono riservate esclusivamente all’aftermarket, per offrire un’alternativa di alta qualità e di eleganza al cerchio standard, i sensori Alcar TPMS sono disponibili come primo equipaggiamento OE (Original Equipment), programmabili o esenti da programmazione. Grazie al portale Fitted Units, i partner di Alcar possono visionare e configurare facilmente tutte le possibili combinazioni di cerchi Aez, Dotz o Dezent, di pneumatici e di sensori TPMS compatibili con ogni singolo veicolo, per scegliere la ruota più bella ma, soprattutto, per essere certi che sia quella giusta.”

Montabilità regolamentata – Con il DM 20 del 10 gennaio 2013 anche in Italia è entrata in vigore una normativa che regolamenta l’utilizzo dei cerchi ruota. I cerchi in alternativa al primo equipaggiamento devono essere conformi ECE 124 se hanno misure identiche alla ruota di serie, oppure essere omologati NAD se hanno misure differenti. Con l’omologazione NAD il costruttore del cerchio dichiara che una misura diversa, ad esempio un diametro 17” invece del 16” di serie, è compatibile per un determinato veicolo perché non interferisce con l’impianto frenante, le sospensioni e la carrozzeria. Col “Decreto 20” quindi è possibile effettuare un light tuning della ruota, variando la misura della stessa e del pneumatico, ed essere in regola con il Codice della Strada, previo l’aggiornamento della Carta di Circolazione. Altre omologazioni internazionali sono la tedesca KBA, la giapponese JWL e l’asiatica VIA.

La giusta pressione – Dal 1 novembre 2014 gli autoveicoli di nuova immatricolazione devono essere dotati di sistema di sicurezza TPMS (Tyre Pressure Monitoring System) secondo il Regolamento CE 661/2009 e la misura attuativa UN/ECE 64/2010. Il sensore TPMS che monitora la pressione del pneumatico, considerato a tutti gli effetti un sistema di sicurezza del veicolo, non si può disattivare e deve essere in perfetta efficienza. È obbligatorio in fase di revisione e le sanzioni in caso di malfunzionamento o di modifiche costruttive e funzionali arrivano fino al ritiro della Carta di Circolazione. Nel ricco catalogo di sensori Alcar, i TPMS sono disponibili come primo equipaggiamento OE (Original Equipment), programmabili o esenti da programmazione. È importante verificare la compatibilità del TPMS con il nuovo cerchio che si vuole montare.

I NUMERI DELL’AZIENDA
3 centri operativi in Austria, Germania e Svizzera
30 filiali
18 Paesi
900 persone in Europa
12 persone in Italia
2003 start up Alcar Italia
2004 nascita Alcar Italia
6 milioni di cerchi prodotti in Europa
500 mila ruote a magazzino robotizzato

Alcar Italia srl
Via Daneda, 8 – 20836 Briosco (MB)
Tel. 0362/488301- info@alcar.it – www.alcar.it

L'articolo Alcar Italia proviene da ELABORARE.

Filtri aria e sistemi di aspirazione ad alte prestazioni per auto, partnership di Motorquality e Sprint Filter

di redazione

Filtri aria e sistemi di aspirazione ad alte prestazioni per auto disponibili sul mercato grazie a Motorquality che ha stipulato con Sprint Filter una nuova importante collaborazione per la loro distribuzione in Italia. Sprint Filter è infatti marchio solido e famoso nonché il più innovativo produttore di filtri aria e sistemi d’aspirazione ad alte prestazioni per autovetture.

Filtri aria e sistemi di aspirazione ad alte prestazioni

In questo modo Motorquality assicurerà a Sprint Filter la distribuzione in Italia per l’intera gamma di prodotti in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza, dal filtro sportivo di ricambio dell’originale fino ai sistemi di aspirazione dinamica da competizione, sempre con elementi filtranti in tessuto di poliestere micronicamente calibrati. Sprint Filter si aggiunge, dunque, ai marchi prestigiosi per il settore auto distribuiti in esclusiva da Motorquality, accrescendo così in maniera significativa il già sostanzioso catalogo di prodotti dell’azienda milanese.

Info: MOTORQUALITY Tel. 02/249511 – info@motorquality.itwww.motorquality.it

L'articolo Filtri aria e sistemi di aspirazione ad alte prestazioni per auto, partnership di Motorquality e Sprint Filter proviene da ELABORARE.

Galaxy S10, l’offerta dedicata di 3 Italia

di Filippo Vendrame

I nuovi Samsung Galaxy S10 non sono ancora arrivati ufficialmente in Italia ma 3 Italia, brand di Wind Tre, ha deciso di lanciare una sua esclusiva offerta per i modelli Galaxy S10 e Galaxy S10+. L’operatore propone due vie per poter acquistare in forma agevolata uno dei nuovi top di gamma Android della casa coreana. La prima prevede l’acquisto tramite finanziamento light credit Compass Banca S.p.A con addebito su SDD (SEPA Direct Debit) o Carta di Credito in abbinamento al piano tariffario ALL-IN Power.

Leggi il resto dell’articolo

#SmartNation, al via Piazza WiFi Italia

di Filippo Vendrame

L’Italia diventa più smart e connessa grazie al lancio del progetto “Piazza WiFi Italia“. Trattasi di un’iniziativa promossa dal Ministero dello Sviluppo Economico che ha come obiettivo quello di permettere a tutti i cittadini di connettersi, gratuitamente e in modo semplice tramite l’applicazione dedicata, a una rete WiFi libera e diffusa su tutto il territorio nazionale. Grazie al lancio di questo nuovo progetto del MiSE, i Comuni italiani potranno fare richiesta di punti WiFi direttamente online, registrandosi sulla nuova piattaforma web accessibile dal sito wifi.italia.it.

Leggi il resto dell’articolo

Huawei Matebook 13 disponibile in Italia

di Luca Colantuoni

Huawei ha annunciato l’arrivo in Italia del nuovo Matebook 13 presentato al recente Mobile World Congress 2019 di Barcellona, insieme al Matebook 14 e al Matebook X Pro. Il notebook sarà disponibile dal 14 marzo in due configurazioni. La versione più costosa verrà commercializzata nei prossimi mesi.

Leggi il resto dell’articolo

Alcatel 1X (2019) disponibile in Italia

di Luca Colantuoni

TCL Communication ha annunciato l’arrivo in Italia del nuovo Alcatel 1X (2019) presentato ufficialmente al CES 2019 di Las Vegas, insieme al più economico Alcatel 1C (2019). Lo smartphone possiede alcune interessante caratteristiche, come l’ampio schermo e utili funzionalità fotografiche.

Leggi il resto dell’articolo

Samsung Galaxy Fold in Italia dal 3 maggio

di Luca Colantuoni

Samsung aveva promesso l’arrivo sul mercato del Galaxy Fold entro il secondo trimestre. Il produttore coreano ha ora comunicato che lo smartphone pieghevole sarà disponibile in Italia e in altri 14 paesi europei a partire dal 3 maggio. Gli utenti potranno acquistarlo tramite il sito ufficiale o i partner (rivenditori e operatori telefonici).

Leggi il resto dell’articolo

Huawei P30 e P30 Pro, l’offerta di 3 Italia

di Filippo Vendrame

Huawei P30 e Huawei P30 Pro sono stati annunciati ieri dall’azienda cinese e trattasi di due smartphone Android premium che provano a riscrivere l’esperienza fotografica dei dispositivi mobile grazie alla collaborazione con Leica. L’operatore 3 Italia, brand di Wind Tre, ha già inserito questi smartphone all’interno dei suoi listini per consentire ai suoi clienti di poterli acquistare in forma agevolata senza dover dare immediatamente fondo alla propria carta di credito.

Leggi il resto dell’articolo

Xiaomi Black Shark 2 in Italia dal 1 aprile

di Luca Colantuoni

Gli utenti italiani possono finalmente ordinare il nuovo Black Shark 2. Lo smartphone dedicato ai mobile gamers, annunciato dieci giorni fa in Cina, verrà spedito a partire dal 1 aprile. È possibile scegliere tra due versioni con 8 e 12 GB di RAM. I primi 100 utenti riceveranno in regalo il Black Shark 2 Pro Kit.

Leggi il resto dell’articolo

L’app di WindowsBlogItalia ora disponibile anche per Windows 98

di Pasquale Pignataro "Pasqui industry"

Come ben sapete, il nostro sito è affiancato da diverse applicazioni che coprono una vasta gamma di dispositivi e sistemi operativi, così da permettervi di portare le nostre notizie sempre con voi, qualunque dispositivo voi abbiate, che sia Windows, Android, iOS, Teletext o Commodore 64. Oggi vi annunciamo la disponibilità della nostra app ufficiale su […]

Puoi leggere l'articolo L’app di WindowsBlogItalia ora disponibile anche per Windows 98 in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

3 Italia, novità di rete fissa e mobile di aprile

di Filippo Vendrame

Con l’arrivo del mese di aprile, 3 Italia, brand di Wind Tre, mette mano al suo listino proponendo alcune novità sia in ambito mobile che di rete fissa. Innanzitutto, le nuove SIM costeranno 10 euro senza credito residuo incluso. Play Power offrirà chiamate illimitate, SMS illimitati e 30 GB di traffico dati al costo di 11,99 euro al mese con addebito su credito residuo.

Leggi il resto dell’articolo

Gli italiani e la privacy, report di Symantec

di Luca Colantuoni

Sempre più spesso vengono scooperti attacchi informatici contro determinati target, principalmente aziende e istituzioni, ma anche i privati cittadini possono cadere in trappola dopo aver aperto un allegato alle email o utilizzato un’app troppo ficcanaso. Nel Norton LifeLock Cyber Safety Insights Report 2018, pubblicato da Norton LifeLock (società di Symantec), sono evidenziate le principali minacce per la sicurezza e i risultati di un sondaggio sulla privacy che ha coinvolto circa 1.000 italiani.

Leggi il resto dell’articolo

Xiaomi festeggia un anno in Italia con l’apertura di 3 nuovi store

di Alessandro Signori

L’azienda cinese, ad un anno esatto dall’apertura del primo store italiano, annuncia un mese ricco di eventi per la community del nostro paese con l’apertura di 3 nuovi negozi ufficiali. (...)
Continua a leggere Xiaomi festeggia un anno in Italia con l’apertura di 3 nuovi store su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Sony Xperia 1: su Amazon Italia dal 5 giugno a 972€ [già disponibile in prenotazione]

di Alessandro Signori

Il top di gamma della casa giapponese, visto ormai tre mesi fa al Mobile World Congress, è finalmente disponibile in prenotazione, in Italia, tramite Amazon, il quale rivela anche data di uscita e prezzo.(...)
Continua a leggere Sony Xperia 1: su Amazon Italia dal 5 giugno a 972€ [già disponibile in prenotazione] su Androidiani.Com


© alessandrosignori for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , ,

Tutte le novità di Windows 10 May 2019 Update per PC e tablet

di Biagio Catalano

È iniziato il rilascio del settimo grande aggiornamento per Windows 10, installabile da tutti tramite Windows Update. Il pacchetto cumulativo, che arriva con il nome di May 2019 Update (nome in codice 19H1), porta diverse migliorie, correzioni di bug, ma soprattutto nuove funzioni, che si aggiungono a quelle introdotte da Windows 10 November Update, Anniversary […]

Puoi leggere l'articolo Tutte le novità di Windows 10 May 2019 Update per PC e tablet in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Auto usate in calo: -2,3% con 266 mila passaggi

di Antonio Elia Migliozzi

Maggio negativo per il mercato delle auto usate. I numeri raccolti dall’Aci fotografano la situazione difficile del comparto auto che chiude il mese con un -2,3% rispetto al 2018. Sorprendono le auto diesel che perdono terreno nel nuovo ma si confermano forti tra le usate con un +1,4%. Insomma le incertezze che gravano sulle immatricolazioni non risparmiano le auto usate. I consumatori decidono di prendere tempo per valutare le loro prossime scelte. Una situazione che l’Aci fotografa anche rispetto ai passaggi di proprietà tra le moto che perdono, solo a maggio, il 15,3%. Male anche le radiazioni -0,9% per le autovetture e -3,4% per i motocicli. Diamo uno sguardo nel dettaglio ai numeri del rapporto Aci.

USATO AL PALO

La stagnazione del mercato dell’auto diventa sempre più preoccupante. Segnali molto negativi anche dal settore dell’usato. A maggio 2019, dopo mesi di crescita quasi ininterrotta, i passaggi di proprietà delle auto calano del 2,3% rispetto allo stesso mese del 2018. Il dato è netto, cioè depurato dalle minivolture i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale. Numeri ancor più negativi in termini di media giornaliera (-6,8%), considerato anche che il mese di maggio ha avuto una giornata lavorativa in più. Secondo l’Aci per ogni 100 vetture nuove, a maggio ne sono state vendute 131 usate e 154 nei primi cinque mesi dell’anno. Sorprende la crescita dei passaggi di proprietà delle vetture diesel, con un aumento mensile dell’1,4%. Incremento di quasi due punti della loro quota sul totale che passa dal 49,5% di del 2018 al 51,4% di maggio 2019.

MALE ANCHE LE MOTO

I dati dell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, dell’Automobile Club d’Italia mettono a fuoco altri interessanti dettagli presi dal PRA. A maggio la tendenza a cedere vetture diesel usate è confermata dall’aumento delle minivolture di auto a gasolio (+1,4%). Calano invece i minipassaggi di quelle a benzina (-8,1%). Nonostante l’arrivo della bella stagione l’Aci conferma il decremento per i passaggi di proprietà delle moto. Queste, sempre al netto delle minivolture, hanno chiuso il mese di maggio con una variazione negativa del 15,3% rispetto al 2018. Molto negativa la variazione giornaliera che mette a segno un -19,1%. In generale nei primi cinque mesi dell’anno si è registrata una crescita del 2,2 % per le quattro ruote e dell’1,4% per tutti i veicoli. Le due ruote archiviano nel complesso un calo dello 0,2%.

NUMERI A CONFRONTO

Segno meno nel mese di maggio anche per le radiazioni. Queste ultime hanno registrato una variazione mensile negativa dello 0,9% per le autovetture con un -5,4% nella media giornaliera. L’Aci conferma che non va meglio per le moto in calo del 3,4% e -7,8% nella media giornaliera. Il tasso unitario di sostituzione nel settore auto a maggio è stato pari a 0,68. Questo significa che ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 68. Nei primi cinque mesi dell’anno il tasso di sostituzione si è attestato allo 0,77. Nel periodo gennaio-maggio 2019 le radiazioni hanno archiviato crescite dell’1,5% per le autovetture e dello 0,5% per tutti i veicoli. Dati positivi che contrastano con la decisa flessione sul fronte dei motocicli -10,4%. Insomma i dati Aci non smentiscono il trend negativo del mercato auto che, quanto alle auto nuove, ha perso a maggio l’1,2%.

L'articolo Auto usate in calo: -2,3% con 266 mila passaggi proviene da SicurAUTO.it.

Estate 2019: il 57% degli italiani farà le vacanze in auto

di Donato D'Ambrosi

Gli italiani sono tra gli automobilisti più oppressi dal traffico eppure non rinunciano all’auto per passarci le vacanze. È quanto emerge da un sondaggio sull’estate 2019 tra gli italiani che partiranno per le vacanze: il 57,3% degli italiani userà l’auto per andare in vacanza. Ecco le mete più gettonate in programma o desiderate gli italiani per l’estate 2019.

PARTENZA INTELLIGENTE MA SENZA STRESS

Gli italiani non vogliono slegarsi dalle tradizioni, anche se il campione intervistato da un noto portale di compravendita auto non sembra così rappresentativo. Tra i 500 automobilisti che hanno parlato delle vacanze 2019, il 57% viaggerà in auto e per il 59% la partenza intelligente resta una valida strategia. Partire presto quindi ma non prima dell’alba e poi solo il 53,3% la utilizzerà per più giorni consecutivi. Tra quelli che hanno già programmato online la vacanza, il 17,8% lo ha fatto per noleggiare un’auto. Gli italiani che hanno già deciso dove andare, propende in oltre il 60% dei casi per il mare e dalle location preferite si capisce perché.

IN VIAGGIO NON DIVIDONO IL VOLANTE

Solo il 27% degli intervistati vorrebbe il cambio alla guida, contro il 62,4% che preferisce restare al volante per tutto il viaggio. Un’abitudine che non aiuta sicuramente ad affrontare il viaggio in relax e al massimo della sicurezza se non si fanno frequenti soste e la meta è lontana. A tal proposito il sondaggio rivela che il 21,8% del campione programma una sosta ogni due ore (bravi!), il 25,9% ogni tre e solo il 22% valuta di non fermarsi mai. Attenzione poiché uno studio rivela che guidare stanchi equivale a mettersi al volante ubriachi.

QUANTO SPENDEREBBERO E DOVE

Il 34% degli intervistati percorrerà meno di 500 Km e i costi per benzina, gas o diesel saranno compresi tra i 50 e i 150 euro per almeno il 39,1%. Il 31,3% passerà le vacanze in Hotel o in un B&B e il 26% spenderà tra i 500 e i 1000 euro per tutte le vacanze estive 2019. Il 65,8% è a favore della vacanza on the road; tra le mete più desiderate la Route66 negli USA (un intramontabile desiderio per il 27,4%), la Costiera Amalfitana in Campania (13,6%) e le Colline Senesi (12,6%). Ecco le 10 cose da non dimenticare per una vacanza senza imprevisti.

The post Estate 2019: il 57% degli italiani farà le vacanze in auto appeared first on SicurAUTO.it.

Partire con l’auto elettrica: i consigli per vacanze senza imprevisti

di Antonio Elia Migliozzi

Arrivano le vacanze estive e per molti saranno le prime in compagnia di un’auto elettrica. Il Touring Club Svizzero (TCS) propone una guida su come evitare sorprese quando si parte al volante di un EV. Nel 2019 le vendite di auto elettriche sono in forte crescita (+130%), questo significa che nel mondo su 10 vetture vendute una è a batteria. Attenzione però all’ansia da ricarica. Il test del TCS conferma che in Italia è impossibile ricaricare la propria auto elettrica in autostrada. Questo significa che il viaggio deve essere organizzato nel dettaglio per individuare in anticipo le colonnine di ricarica subito fuori dai caselli autostradali. In generale le infrastrutture di ricarica si stanno diffondendo sia in Italia che in Francia ed è facile trovare una colonnina libera. Il numero delle auto elettriche è ancora esiguo ma le cose potrebbero cambiare presto.

VACANZE AL MARE

Considerata la crescita delle immatricolazioni delle auto elettriche, il Touring Club Svizzero (TCS) ha fatto un test specifico. Interessate dalla prova località di mare in Costa Azzurra e in Toscana. Nonostante il successo commerciale le auto elettriche continuano ad avere limitazioni oggettive. A causa dell’autonomia limitata e della rete di stazioni di ricarica non così estesa è importante organizzare i dettagli del viaggio prima di partire. I due viaggi prova del TCS dimostrano che è possibile percorrere lunghe tratte anche all’estero alla guida delle ultime auto elettrice. Per evitare di avere a che fare con tanti fornitori diversi e relative carte per la ricarica, il TCS ha scelto Nextcharge. L’azienda non gestisce delle proprie stazioni di ricarica ma ha concluso contratti di partenariato con vari fornitori e offre l’accesso ad una fitta rete di stazioni di ricarica.

PIANIFICARE IL VIAGGIO

Nel corso del suo test il TCS ha evidenziato l’impossibilità di ricaricare le auto elettriche sulle autostrade italiane. Nel pianificare l’itinerario in Toscana, vista l’assenza di colonnine di ricarica rapida nelle aree di servizio, è stata necessaria una dettagliata organizzazione. Bisogna infatti abbandonare l’autostrada e di conseguenza pagare il pedaggio per procedere alla ricarica. Diversa la situazione in Francia. Qui ci sono colonnine di ricarica rapida anche nelle aree di servizio delle autostrade.Vista l’assenza di partnership tra i fornitori svizzeri e quelli locali i tester hanno usato il servizio Chargemap. Questa azienda gestisce anche delle colonnine di ricarica proprie ma ha stretto accordi con altri fornitori. In questo caso serve una carta di ricarica che costa 20 euro (una tantum) e arriva a casa una settimana dopo l’ordine. Contrariamente al modello italiano, il pagamento avviene a posteriori attraverso fattura.

DETTAGLI IMPORTANTI

La prova del TCS conferma che la vacanza con un’auto elettrica è assolutamente possibile. Importante però pianificare il percorso prevedendo delle soste per la ricarica ogni 35/50 minuti, fermandosi per acquisti o visite. Le infrastrutture di ricarica, in Italia e in Francia, sono sempre più diffuse e, tenuto conto del numero ancora esiguo di auto elettriche, le colonnine sono quasi sempre libere. In futuro però le cose potrebbero cambiare ma si spera che cresca anche la rete di rifornimento. Secondo il TCS conviene seguire la regola del 20/80%. Ci si ferma quando l’autonomia dell’auto elettrica scende al 20%. Con questa carica si raggiunge anche la colonnina di ricarica rapida successiva nel caso in cui la prima non funzioni. Nell’auto elettrica il processo di ricarica dal 20% all’80% richiede infatti quasi lo stesso tempo che dall’80% al 100%. Ecco allora che si guadagna anche tempo ricaricando la batteria soltanto all’80%.

The post Partire con l’auto elettrica: i consigli per vacanze senza imprevisti appeared first on SicurAUTO.it.

❌