Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 23 Febbraio 2020RSS feeds

Bici Elettrica o pedalata assistita: le migliori da comprare

di Manuel Baldassarre
La bici elettrica – chiamata anche e-bike – è diventata un vero e proprio fenomeno di massa! Questi veicoli sono pratici, leggeri, di facile manutenzione e a basso costo: insomma, come detto dal New York leggi di più...
Meno recentiRSS feeds

Auto elettriche e autonome: come eviteranno stress e distrazioni al volante

di Donato D'Ambrosi

Le auto elettriche e autonome potranno essere davvero sicure in ogni condizione? Una domanda che dopo oltre 3 anni di test il consorzio di ricerca ADAS&Me prova a rispondere facendo il punto sulle criticità e i rischi maggiori. Stress da ricarica e distrazione sono i punti deboli su cui viene portata l’attenzione dei Costruttori di veicoli, componenti ed enti di ricerca. Ecco come auto elettriche e a guida autonoma/assistita eviteranno i principali fattori di rischio.

3 ANNI DI TEST PER STUDIARE I PUNTI DEBOLI DEI VEICOLI AUTONOMI

Drive&Me è un consorzio di aziende ed enti di ricerca che ha affrontato il tema della sicurezza al volante in modo olistico: la tecnologia può migliorare la sicurezza stradale solo in rapporto allo stato del conducente. In modo più specifico sono state individuate delle zone d’ombra dove le auto elettriche e le auto connesse (ma per certi versi anche le moto e i mezzi pesanti) possono prevenire i casi di “misuse” o “failure” della tecnologia. Sempre meno spesso si parla di stress da ricarica della batteria, ma un po’ per la tendenza dei Costruttori ad aumentarne la potenza sui modelli più nuovi, ma il problema si presenterà con la diffusione delle auto. Quante volte invece avete guidato stanchi fino a casa basandovi esclusivamente sulla memoria muscolare? Ecco ADAS&Me ha riprodotto queste ed altre situazioni per studiare le reazioni dei conducenti e l’efficacia della tecnologia nel video qui sotto. Finché non ci saranno abbastanza colonnine di ricarica sulla rete autostradale, il rischio di distrazioni e stress da ricarica si prospetta alto.

I RISCHI PIU’ FREQUENTI CON LE AUTO ELETTRICHE E SEMI AUTONOME

ADAS&Me immagina che un modo utile per impedirla nei lunghi viaggi sia permettere all’auto di capire quando il conducente non è nelle condizioni sicure di viaggiare e intervenire. Ad esempio facendo una tappa, autorizzata dal conducente, verso la stazione di ricarica più vicina. Quando si parla di guida autonoma poi è chiaro che ci si riferisce ai sistemi di guida assistita SAE2+.IL limite maggiore delle auto a guida semi autonoma non sarà la tecnologia ma la latenza del conducente. Immaginiamo il caso in cui il conducente ha abbassato la sua soglia di attenzione mentre l’auto mantiene la rotta secondo le indicazioni di navigazione. Se il sistema rileva una situazione prossima di pericolo o impossibilità a condurre l’auto deve poter contare su un conducente pronto a riprendere il volante. Qualcosa che secondo ADAS&Me si potrà assicurare solo interconnettendo i dispositivi di bordo all’auto: in caso di guida distratta, l’auto disattiverà le fonti di distrazione.

LA STANCHEZZA E IL CALDO ALLA GUIDA DI UNA MOTO

La sicurezza della guida in moto è un settore ancora quasi inesplorato, a confronto con le auto. Uno dei rischi maggiori nei lunghi viaggi è l’impossibilità del conducente a reagire prontamente ad un ostacolo. Ecco perché nel video qui sopra si può vedere un prototipo di Ducati equipaggiata con speciali giroscopi in grado di tenere su la moto da sola. Una soluzione alla guida distratta in moto, secondo ADAS&Me potrebbero essere l’abbigliamento connesso e un sistema di rilevamento della stanchezza del conducente. Se casco e giacca sono troppo caldi, o l’attenzione rilevata del conducente è ritenuta un pericolo, la moto lancerà un alert al conducente consigliandogli di fare una pausa.

The post Auto elettriche e autonome: come eviteranno stress e distrazioni al volante appeared first on SicurAUTO.it.

Smartphone per fare selfie: i migliori da comprare

di Leonardo Zannini
Negli anni i selfie hanno assunto sempre più importanza nella vita quotidiana di ognuno di noi e gli smartphone per fare selfie sono diventati sempre più importanti e popolari. La fotocamera frontale è proprio uno leggi di più...

10 errori da non fare con l’acquisto auto nuova

di Redazione

L’acquisto di un’auto nuova è sempre un momento importante e, perché no, emozionante. I giri per i concessionari, la scelta di allestimenti e accessori per configurare la “propria” auto entusiasmano un po’ tutti. Ma essere avventati in un acquisto del genere può avere ripercussioni importanti negli anni a venire, quindi è opportuno essere oculati e il più possibile lucidi (Leggi la guida acquisto auto 7 posti). Vediamo quali sono i 10 errori da non fare quando si acquista un’auto nuova.

1.QUALE BUDGET PER L’ACQUISTO DELL’AUTO NUOVA?

Uno dei primi aspetti da valutare nell’acquisto di un’auto nuova è ovviamente il budget. Magari potessimo acquistare tutti l’auto dei nostri sogni, ma sappiamo bene che la realtà è un’altra. Stabiliamo quindi un budget che possiamo permetterci e valutiamo i modelli di nostro interesse nella fascia di prezzo relativa. Bisogna tenere presente che i prezzi di listino base possono lievitare con allestimenti particolari e accessori particolari.

2.COSTI DI BOLLO E ASSICURAZIONE CON L’AUTO NUOVA

Spesso accecati dall’offerta allettante o trovandosi di fronte ad una vettura che ci fa letteralmente sbavare si conclude frettolosamente l’acquisto, si firmano le pratiche e si diviene felici proprietari di una fiammante quattro ruote. Ma in quanti hanno provato frustrazione dovendo fare i conti per adeguare la polizza assicurativa, o per sottoscriverne una nuova, e scoprire che tra RCA e incendio e furto dovranno pagare una fortuna? Bisogna inoltre verificare i costi del bollo auto per il modello scelto per non avere sorprese e rimanere con il portafoglio a secco.

3.IL FINANZIAMENTO DELL’AUTO NUOVA

Sempre più raramente si compra un’auto senza l’apertura di un finanziamento. In fase di preventivo è opportuno valutare i tassi di interesse e se li riteniamo eccessivi proviamo a chiedere un’alternativa al venditore. Riguardo la rata mensile del rimborso è fondamentale considerare la sostenibilità del pagamento rispetto alle entrate, solitamente è bene non sforare il 20% dei propri introiti e pensare a quelle scadenze che coincidono con la rata dell’assicurazione o con il pagamento del bollo auto.

4.ESIGENZE REALI E ACQUISTO DELL’AUTO NUOVA

Le automobili seguono le mode, soprattutto per quanto riguarda la tipologia; al giorno d’oggi il mercato è trainato dai modelli Suv e Suv Inspired, ma realmente abbiamo bisogno di un Panzer su quattro ruote? La scelta non deve essere mai forzata, specie se per avere il modello alla moda dobbiamo sobbarcarci una spesa aggiuntiva. Valutiamo bene quali sono le nostre reali esigenze di mobilità, con quante persone e bagagli viaggiamo prevalentemente (Leggi i controlli da fare prima delle vacanze), la capacità di carico e gli ingombri dell’auto rispetto ad un eventuale box o posto auto condominiale.

5.LA MOTORIZZAZIONE GIUSTA DELL’AUTO NUOVA

Tra le scelte da effettuare nelle fasi di acquisto di una nuova automobile quella relativa alla motorizzazione è cruciale. Negli ultimi anni le auto a gasolio hanno spopolato, ma sono state acquistate anche da chi percorre un chilometraggio annuo irrisorio, senza magari tenere conto dei costi di manutenzione. Nella scelta bisogna quindi tener presente quanta strada realmente facciamo, così come bisogna ben comprendere i costi d’esercizio dell’auto che stiamo valutando.

6.L’AUTO NUOVA A GAS

Chi è alla ricerca di un’automobile dai bassi costi d’esercizio può essere interessato ai modelli che offrono la cosiddetta alimentazione bi-fuel, benzina-GPL o benzina-metano. Il basso costo d’acquisto del carburante si traduce in costi di gestione più bassi, pur richiedendo qualche intervento di manutenzione specifico. Un aspetto da valutare è la disponibilità nella zona di residenza di impianti di rifornimento, in alcune zone d’Italia questi, specie quelli del metano, sono rarefatti.

7.QUALE POTENZA PER L’AUTO NUOVA

Le auto moderne offrono, a fronte di cilindrate sempre più compatte, potenze piuttosto elevate, ma soprattutto le citycar vengono proposte con livelli di potenza piuttosto bassi. Nello sceglierle bisogna essere consapevoli delle reali prestazioni offerte e valutare, specie se si è abituati a tenere il climatizzatore spesso acceso, se i cavalli della vettura sono sufficienti alle nostre esigenze. Il consiglio è quindi quello di provare su strada un modello con la motorizzazione di nostro interesse.

8.GLI ACCESSORI GIUSTI SULL’AUTO NUOVA

I fronzoli in auto, così come i gadget elettronici all’ultima moda piacciono un po’ a tutti, ma occhio ai costi. Prima di passare al setaccio la lista di accessori di serie per il comfort, l’estetica e l’infotainment è buona norma sapere prima dell’acquisto quanto è sicura l’auto che vi interessa; ormai anche i crash test sono una valutazione sempre più frequente: scopri qui tutti i più recenti crash test con schede e video dettagliati per marca e modello. Le automobili oggi sul mercato, salvo alcuni casi, vengono offerte con dotazioni di serie piuttosto complete, offrendo accessori che poco più di un decennio fa erano rigorosamente a pagamento. La tentazione di avere interni in pelle, fari xeno, display touchscreen e impianti audio potenti è comunque forte, ma il prezzo di listino può lievitare e anche tanto, rischiando di farci sforare il budget previsto e, peggio ancora, facendoci indebitare più del dovuto.

9.AUTO NUOVA O IN PRONTA CONSEGNA?

Spesso si immagina di poter comporre la propria auto con tutti i dettagli che desideriamo, dall’allestimento degli interni, alla tinta o al disegno dei cerchi in lega. Questo però può comportare lungaggini nella consegna e probabilmente uno sconto ridotto o nullo da parte del venditore. È sempre bene chiedere cosa la concessionaria può offrire in pronta consegna e cercare di spuntare qualcosa in più come sconto. Non sono da sottovalutare inoltre le KM0, con le quali risparmiare sensibilmente rispetto al nuovo da immatricolare.

10.VALORE FUTURO E RIVENDIBILITA’ DELL’AUTO NON PIU’ NUOVA

Se la frequenza con la quale cambiamo l’automobile è decennale possiamo praticamente acquistare qualsiasi marchio e modello. Se invece la frequenza è ridotta è opportuno valutare nella scelta della nuova auto quale rivendibilità avrà in futuro e sarà facile rivenderla.

The post 10 errori da non fare con l’acquisto auto nuova appeared first on SicurAUTO.it.

I migliori smartphone compatti da comprare

di Leonardo Zannini
In un modo tecnologico in cui gli smartphone diventano sempre più grandi, c’è chi ancora preferisce avere qualcosa di più compatto, e questa guida è dedicata proprio a questi utenti. Se volete che il vostro leggi di più...

Stampante laser multifunzione: le migliori da comprare

di Manuel Baldassarre
Una volta possedere una stampante laser multifunzione era un lusso per pochi eletti. Per gli scopi casalinghi conveniva possedere solamente le stampanti a getto d’inchiostro, il giusto compromesso tra spese di gestione e qualità. In leggi di più...

Sigaretta elettronica: le migliori da comprare

di Manuel Baldassarre
Il mondo della sigaretta elettronica è in costante sviluppo, così abbiamo pensato di stilare una guida d’acquisto alle migliori sigarette elettroniche di modo che anche i meno esperti possano avvicinarsi ad esse in modo semplice leggi di più...

Miglior stampante: quale comprare

di Manuel Baldassarre
La stampante ormai è una delle periferiche di output più utilizzate in casa e in ufficio, per qualsiasi mansione: fotocopiatrice, stampa a colori, stampa documenti. Se cercate una guida completa dedicata alla miglior stampante, siete leggi di più...

10 errori da non fare quando si guida sulla neve o il ghiaccio

di Donato D'Ambrosi

Guidare sulla neve o il ghiaccio con le gomme invernali o tenere le catene a bordo (resta aggiornato sull’elenco delle ordinanze invernali in ogni regione) a volte non basta ecco perché abbiamo raccolto un vademecum con gli errori più frequenti da non fare quando si guida in inverno e  i consigli utili per gli automobilisti in una breve guida su come prepararsi al meglio ad affrontare situazioni di guida più o meno difficoltose. Vediamo di seguito i 10 errori da non fare nella guida su neve o ghiaccio che puoi condividere tra le persone che hai a cuore!

1.GUIDA SU NEVE O GHIACCIO: NON RISCHIARE

Se affacciandosi alla finestra non si vede null’altro che bianco è il caso di soffermarsi a pensare se davvero vale la pena uscire con l’auto  e sottovalutare le insidie che neve e ghiaccio nascondo. Ciò non significa blindarsi in casa ma essere consapevoli che potremmo non essere adeguatamente equipaggiati. Per essere sicuri meglio approfondire qui come preparare l’auto ad affrontare l’inverno.

2.NON GUIDARE ALLA CIECA

Potrebbe sembrare scontato ma non lo è, considerando che l’abitudine maturata durante l’anno di attaccarsi ai tergicristalli per rimuovere qualsiasi cosa dal parabrezza, anche quando il vetro è ghiacciato si spera nel miracolo delle spazzole anteriori. Se con qualche difficoltà si guadagna uno spioncino da cui sbirciare la strada, vetri laterali e lunotto passano in secondo piano pur di partire. Non c’è niente di più pericoloso che limitare il proprio campo visivo senza riuscire a vedere le auto sopraggiungere agli incroci. Meglio dotarsi di uno spray de-ghiacciante da tenere in casa per scongelare in pochi secondi i vetri e le guarnizioni attaccate che impediscono l’apertura degli sportelli.

3.PRIMA DI PARTIRE PENSATE AL COMFORT

Una volta saliti a bordo bisogna ricordarsi che l’auto sarà gelida e pensare di aspettare che il condizionatore d’aria (scalda l’aria sfruttando l’acqua calda del sistema di raffreddamento in uscita dal motore) vada a regime è pura utopia. In questi casi meglio impostare una temperatura adeguata tramite il climatizzatore, ricordandosi poi di spegnerlo se l’auto non riesce a svincolarsi da partenze difficoltose; più avanti vediamo come non partire su neve o ghiaccio. Leggi qui come usare il climatizzatore nel modo corretto anche in inverno e qui sotto un video sulla corretta manutenzione del climatizzatore.

4.LA PARTENZA SULLA NEVE O GHIACCIO

L’istinto al volante quando si guida su neve o ghiaccio ci spinge a comportarci come siamo abituati a fare: cintura di sicurezza (il minimo, si spera), prima marcia e via. E’ la situazione più difficoltosa in cui si possa trovare l’auto soprattutto se l’asfalto è coperto da uno spesso strato di neve schiacciata da altre auto o da un sottile strato di ghiaccio (si nota dall’aspetto più scuro e lucido dell’asfalto). In situazioni del genere partire con la seconda marcia è il consiglio comune più valido ricordandosi però che il rilascio della frizione deve essere molto dolce evitando anche di affondare sull’acceleratore. Meglio mantenere una velocità costante, bassa (va ricordato che con le catene da neve il limite scende a 50 km/h e in alcuni casi è consigliato anche 40 km/h se si montano le calze da neve, approfondisci qui il test di salita di calze e catene da neve). Ciò non toglie che la prima marcia possa essere utilizzata se le condizioni della strada lo consentono.

5. COME GUIDARE IN SALITA CON LA NEVE

Una volta raggiunta una buona motricità è meglio non perderla, quindi avanzare con una velocità bassa ma costante poiché ripartire da fermo in salita potrebbe essere più impegnativo. Uno degli errori più pericolosi riguarda la disattivazione dei controlli elettronici di sicurezza e assistenza alla guida. Disattivare il controllo di trazione può aiutare in caso di partenza in piano con le catene da neve (leggere sempre quanto consigliato dal manuale dell’auto) ma il controllo di stabilità è meglio lasciarlo attivato (laddove disinseribile) poiché soprattutto in salita aiuta a mantenere motricità e aderenza. E se si sente qualche pneumatico slittare non bisogna farsi prendere dal panico ma mantenere la giusta andatura (meglio quindi non frenare o decelerare di colpo).

6. COME GUIDARE IN SALITA CON LA NEVE

Anche se sembrerebbe una follia consigliare di non usare  freni, in realtà è così: quando si guida su neve e ghiaccio bisogna rispolverare i consigli sul freno motore della scuola guida. Mantenere quindi le marce alte e scalarle rilasciando dolcemente la frizione riduce la velocità tenendo motricità sulle ruote. E’ pur vero che in caso di emergenza o per arrestare l’auto il freno va utilizzato ma cercando di non stuzzicare troppo l’ABS. Il motivo è semplice: sulla neve o il ghiacciogli spazi di arresto raddoppiano, ma non tutti lo ricordano.

7. LA PRECEDENZA IN CASO DI NEVE O GHIACCIO

Quando si guida su neve o ghiaccio, soprattutto se le temperature sono calate drasticamente e all’improvviso, bisogna essere consapevoli che non tutte le auto incrociate in strada potrebbero essere ben equipaggiate con gomme invernali  o essere preparati ad una guida preventiva. Questo significa che andrebbero evitate le manovre brusche, raggiungendo invece gli incroci con una velocità bassa in modo da tenere a distanza le altre auto, soprattutto quelle in evidente difficoltà. La cosa migliore da fare è agevolare il passaggio o l’immissione senza rischiare il contatto.

8. INCASTRARSI SUI BINARI DI NEVE

E’ quasi sempre la strada più facile quella già battuta dalle altre auto che ci spinge a infilare le ruote nei solchi scavati da altri. In realtà diventa un binario da cui diventa difficile uscire nel caso si presenti qualche ostacolo improvviso davanti. Meglio evitare i canali nella neve e se la neve è molto compatta e il ghiaccio mette a dura prova anche gli pneumatici invernali l’unica soluzione è fermarsi in un luogo sicuro e montare le catene da neve per disimpegnarsi magari con l’auto carica di passeggeri e bagagli.

9. GOMME INVERNALI SOLO DAVANTI

Quando si acquista un SUV l’idea di poter scalare le montagne è forte ma questa convinzione si scontra con i limiti fisici e climatici: la maggior parte dei SUV in commercio infatti è equipaggiato di serie con pneumatici M+S (vedi cosa cambia rispetto alle vere gomme termiche) non adatti ad avanzare sulla neve – nel video qui sotto invece puoi vedere le differenze tra gomme All season e Invernali. Pensare di affidarsi alla trazione integrale o montare le gomme invernali solo su un asse è fortemente sconsigliato. Curiosi di sapere che succede? Guarda i video dei test con gomme estive e invernali su auto a trazione integrale.

10. CATENE DA NEVE QUESTE SCONOSCIUTE

Le catene da neve spolverate a novembre e riposte nel bagagliaio dell’auto per superare i controlli su strada servono a poco. E la situazione peggiora quando si chiedono in prestito catene da neve di emergenza ad amici e conoscenti in occasioni di sporadici weekend in montagna (tanto nessuno ai  posti di blocco controlla se sono della misura giusta, si crede). Non è raro vedere automobilisti alle prese con catene aggrovigliate e arrugginite (anche nuove appena comprate in area di servizio) alle prese con tragicomiche imprese di montaggio. Il consiglio sempre valido è prepararsi a casa a montare e smontare più volte le catene tenendo le istruzioni a portata di mano. Solo così si potrà guidare sereni e sicuri di non restare bloccati nel bel mezzo di una forte nevicata.

The post 10 errori da non fare quando si guida sulla neve o il ghiaccio appeared first on SicurAUTO.it.

Migliori stampanti con cartucce e toner compatibili

di Manuel Baldassarre
Le stampanti sono un comodissimo strumento che la moderna tecnica ha messo nelle nostre case ed uffici. E’ oramai considerato da molti difficile immaginare il proprio lavoro, o la propria attività senza una stampante. E’ leggi di più...

Sedie da ufficio: le migliori da comprare

di Manuel Baldassarre
Quando si passano molte ore davanti al PC, oltre ad avere un hardware molto prestante, è necessario creare una postazione comoda e funzionale. Per raggiungere questo obbiettivo, è bene identificare quali sono le migliori sedie da ufficio, leggi di più...

Diffusore aromi: i migliori da comprare

di Manuel Baldassarre
Grazie alla tecnologia ad ultrasuoni il diffusore aromi è un dispositivo che sta prendendo sempre più piede nelle nostre case e negli ambienti lavorativi, non solo per la sua funzione di aromaterapia ma anche (e leggi di più...

I migliori robot aspirapolvere da comprare

di Manuel Baldassarre
State pensando di acquistare un robot aspirapolvere che vi aiuti a tenere i pavimenti sempre puliti? Con un robot, infatti, potrete lasciare che sia lui a occuparsi della polvere (e non solo)! Ricordate però che leggi di più...

Presa WiFi: le migliori da comprare

di Manuel Baldassarre
Abbiamo già discusso questo argomento quando, nella nostra rubrica dedicata alla Domotica, vi abbiamo parlato delle così dette prese intelligenti. Essa viene chiamata anche presa WiFi intelligente, ed infatti è sostanzialmente una presa che integra al suo leggi di più...

Tapparelle Smart e Sonoff: quale acquistare e come installarlo

di Manuel Baldassarre
Viviamo in un mondo fatto di sensori ed intelligenza artificiale. Portare queste tecnologie in casa può però rivelarsi molto costoso se ci si rivolge a professionisti. Rendere luci, prese o tapparelle smart può rimanere un sogno leggi di più...

Smartphone pieghevoli: i migliori da comprare

di Leonardo Zannini
L’innovazione vera che in tanti aspettavano da anni è finalmente arrivata sul mercato, gli smartphone pieghevoli sono realtà e sono disponibili all’acquisto. Per tanti il fatto di avere un display pieghevole non rappresenta un valore leggi di più...

Notebook 2 in 1 | I migliori di febbraio 2020

di Tom's Hardware
Aggiornata a febbraio 2020 I notebook 2 in 1 hanno vissuto la definitiva consacrazione nel corso del 2020. Merito soprattutto di una crescente necessità, da parte degli utenti, di poter avere a disposizione macchine in grado di garantire una reale produttività in mobilità, senza voler rinunciare all’ambito multimediale. I vari brand hanno dunque assecondato questa […]

Tastiera gaming | Le migliori di febbraio 2020

di Tom's Hardware
Aggiornata a febbraio 2020 La situazione è rimasta pressoché invariata rispetto alla fine dello scorso anno, quindi per il momento abbiamo deciso di non apportare modifiche alla guida. Tra le cinque tastiere che vi consigliamo la nostra preferita è sicuramente la Corsair K63 Wireless (acquistabile a questo link), che grazie al poggiapolsi e alla connettività […]

Scheda video | Le migliori di febbraio 2020

di Tom's Hardware
Aggiornata a febbraio 2020 L’arrivo della Radeon RX 5600 XT ha cambiato le carte in tavola, con la scheda di AMD che supera agilmente la GTX 1660 SUPER e guadagna la corona di miglior scheda per il Full HD. Per il resto i nostri consigli rimangono gli stessi di gennaio, rimaniamo in attesa di scoprire […]

Guidare con vento forte: consigli e precauzioni in autostrada

di Donato D'Ambrosi

Guidare con vento forte in autostrada è sconsigliato per alcuni veicoli, soprattutto telonati o mezzi lunghi che più esposti al rischio di sbandare per le raffiche di vento. Cosa bisogna fare in caso di guida con vento in autostrada? Ecco gli errori più frequenti e i consigli per evitarli quando una tempesta di pioggia e vento vi sorprende alla guida in autostrada o anche su una semplice strada urbana.

GUIDARE CON IL VENTO, QUANDO DIVENTA PERICOLOSO

Guidare con il maltempo o durante una pioggia intensa è sempre sconsigliato. Restare a casa soprattutto se le previsioni danno una tempesta in arrivo è la precazione migliore per evitare incidenti e salvarsi la vita. Molti però per lavoro o motivi di salute (approvvigionamento medicine o cure indispensabili) non possono evitare di usare l’auto con il vento. In tutti questi casi o quando il vento improvviso vi sorprende alla guida, la regola principe è adottare uno stile di guida difensiva. Lo ricordano gli esperti dell’ADAC (l’Automobile Club Tedesco) che ci aiutano a fare chiarezza sulle precauzioni da adottare nella guida con vento forte in autostrada. Non sottovalutare il pericolo del vento. Quando le previsioni del vento annunciano raffiche di vento forza 10 o superiori, guidare l’auto in mezzo a una tempesta comporta seri pericoli. Guidare l’auto con vento forte ma meno intenso richiede attenzione dalle raffiche di forza 5 in su.

GUIDARE UN VEICOLO ALTO IN CASO DI TEMPESTA, COSA NON FARE

L’altezza del veicolo diventa molto importante in funzione della forza del vento, di conseguenza anche la velocità va adeguata alla tipologia di veicolo. La regola più importante è ridurre la velocità. Se una raffica di vento colpisce l’auto, è molto più facile reagire e controsterzare a basse velocità. Spesso i tabelloni luminosi prima di entrare in autostrada avvertono i conducenti di veicoli telonati o furgoni del forte vento. Ricordate che tutto ciò che si trova sul tetto (box bagagli, portapacchi con oggetti voluminosi, ecc.) aumenterà notevolmente la spinta laterale del vento. Meglio smontare tutto ciò che non vi serve e lasciarlo a casa.

LE SITUAZIONI PIU’ RISCHIOSE DURANTE LA GUIDA CON PIOGGIA E VENTO

Durante un sorpasso, si commette spesso il rischio di eccedere nella velocità, dimenticando l’importanza della regola precedente. I rischi maggiori di guidare l’auto con vento forte in autostrada si corrono durante un sorpasso, in galleria e sui viadotti. Se si sta superando un veicolo di dimensioni più grandi bisogna prestare attenzione a un possibile improvviso cambio di traiettoria che potrebbe spingerlo nella vostra corsia. Lo stesso può capitare all’auto nella fase finale di un sorpasso o all’uscita da una galleria, quando la superficie laterale può essere investita da una raffica. Meglio tenere il volante ben saldo con entrambe le mani e non farsi sorprendere da una possibile sbandata.

GUIDARE L’AUTO CON IL VENTO EVITANDO PEDONI E CICLISTI  

Guidare con forte vento può essere pericoloso anche in città o su strade extraurbane. Per limitare i rischi bisognerebbe pianificare al meglio il percorso evitando le strade con alberi molto alti. Ricordiamo poi che la sicurezza degli altri utenti può dipendere anche da noi: osservare la posizione di pedoni e ciclisti nei dintorni può prevenire situazioni di estremo pericolo se il vento dovesse sbalzarli o farli cadere proprio nella traiettoria dell’auto.

The post Guidare con vento forte: consigli e precauzioni in autostrada appeared first on SicurAUTO.it.

❌