Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Comparativa processori Intel e AMD a confronto

di Aggregator

55 processori Intel e AMD a confronto: un quadro completo di quello che è l’attuale scenario di mercato per sistemi desktop dal costo molto differente. Al debutto anche la CPU AMD Phenom II X4 980 Black Edition. La scelta della CPU deve essere fatta in funzione di quello che è il proprio scenario d’utilizzo di riferimento, tenendo in opportuna considerazione il budget d’acquisto.

Le soluzioni AMD Athlon II, in virtù del costo d’aquisto molto contenuto, rappresentano valide alternative nel segmento di fascia entry level del mercato; in quello di fascia media spicca il processore Phenom II X4 840 presentato a Gennaio 2011 grazie ad un costo molto aggressivo mentre salendo ulteriormente di prezzo non è possibile prescindere dalle soluzioni Intel della famiglia Sandy Bridge, capaci di performances estremamente elevate in tutti gli ambiti applicativi con livelli di costo accessibili. Salendo ulteriormente con il prezzo le proposte Intel con architettura a 6 core vantano le migliori prestazioni assolute ma sono anche quelle proposte ai listini più elevati; le CPU Phenom II X6, sempre a 6 core, non sono comparabili prestazionalmente ma vengono proposte a listini prezzo molto interessanti nel complesso, risultando competitive con le proposte Intel di pari fascia di prezzo in quegli scenari d’uso nei quali un elevato numero di core possa venir opportunamente sfruttato.

[adv1]

7-Zip integra un’altra modalità di test, con la quale è possibile anche selezionare il numero di threads da eseguire in parallelo a seconda del tipo di processore utilizzato, che riporta un risultato in MIPS dei test di compressione e decompressione.

Riparametrando le prestazioni velocistiche medie sul costo d’acquisto complessivo, prendendo quale riferimento i listini ufficiali evidenziamo come alle prime posizioni si trovino processori di fascia medio bassa. Tale comportamento è abituale in questa nostra analisi di sintesi, in quanto l’approccio tende a dare maggior peso al costo d’acquisto, o per meglio dire a quanto questo è ridotto, rispetto a quanto le prestazioni velocistiche siano superiori rispetto al processore adottato come riferimento.

Fonte

Quanto è facile bucare una rete WiFi? Ce lo spiegano le Iene

di Aggregator

Il programma televisivo le Iene su Italia uno ha mostrato un servizio molto interessante sui rischi delle reti Wifi. Il titolo è “Ti rubo la Password e ti spio” e viene mostrato come sia facile e semplice bucare una rete WiFi protetta. La prima cosa che bisogna fare è cambiare la password del vostro router ed inserirne una personalizzata, magari con lettere, numeri e simboli.

[adv1]

Se lasciate la password iniziale, grazie a dei semplici programmi, basta il codice identificativo della vostra rete per scovare la password utilizzando l’algoritmo usato dallo stesso fornitore del router per generare la password associata al nome predefinito della rete.

Fonte

Scoprire gli intrusi collegati alla propria rete wireless

di Aggregator

Wireless Network Watcher è una piccola utility totalmente gratuita prodotta da NirSoft, che grazie ad una analisi accurata della rete wireless, riesce a visualizzare un elenco completo di tutti i computer e dispositivi che sono attualmente connessi alla rete. Grazie alla sua semplicità, Wireless Network Watcher è facilmente utilizzabile da chiunque: sarà sufficiente scaricare la versione portable e lanciare l’eseguibile per l’esecuzione del programma.

L’interfaccia che ci viene presentata è semplice ed intuitiva; per ogni computer o dispositivo individuato, vengono fornite le seguenti informazioni: indirizzo IP; indirizzo MAC (indirizzo fisico della nostra scheda di rete wifi); azienda produttrice della scheda di rete; nome del computer.

[adv1]

Fonte

Recensione benchmark e test AMD FX-8150 Bulldozer otto core

di Aggregator

Processore AMD FX-8150 con architettura Bulldozer: 8 core design Zambezi, Frequenza base 3.6 GHz (18 * 200 MHz), Frequenza Turbo Core 3.9 GHz, Turbo Core massimo 4.2 GHz, Cache L2 totale 8 MB, Cache L3 condivisa 8 MB, Socket AM3+, TDP 125 W, Processo produttivo 32 nanometri.

[adv1]

PCMark 7 non isola necessariamente le capacità specifiche di ogni determinata piattaforma perché è composta da componenti Windows 7. La suite fa uso di quanti più core ha a disposizione, anche se qualcuno afferma il contrario. Detto questo l’FX-8150 è in grado solamente di superare di poco il Phenom II X4 980 – un processore quad-core a 3.7 GHz. Core i5-2500K e i7-2600K sono notevolmente più veloci nel punteggio generale di PCMark 7.

L’FX si piazza malissimo nella parte Entertainment, nella quale sono preponderanti grafica, riproduzione video e transcodifica e archiviazione. Finire dietro ai precedenti portabandiera quad-core e hexa-core non è un grande risultato. Fortunatamente il resto dei risultati mostra che Zambezi è almeno al livello dei vecchi chip.

Nel miglior scenario possibile, quando caricate tutti gli otto core integer dell’FX, questo processore ricade generalmente tra il Core i5 2500K e il Core i7 2600K – un posto in cui dovrebbe apparire sempre, dato il prezzo. A volte l’FX riesce a comportarsi meglio del Core i7 2600K, ma altre è battuto in modo imbarazzante dai predecessori con carichi di lavoro threaded.

Fonte

AMD Bulldozer nuovo record mondiale di overclock a 8584 MHz

di Aggregator

Con il processore AMD Bulldozer FX-8150 si raggiunge il nuovo record di overclock a 8584 MHz. Ancora una volta il merito è di Andre Yang. Secondo gli overclocker con schede madre migliori e un nuovo stepping i nove gigaghertz potrebbero essere alla portata.

Gli appassionati non escludono di raggiungere questo traguardo grazie a schede madre dotate di un comparto di alimentazione migliore rispetto a quello della Asus Crosshair V Formula. Inoltre non bisogna dimenticare che è previsto il passaggio del processore allo stepping B3, il che potrebbe garantire ulteriore margine di overclock.

[adv1]

L’esperimento è stato ovviamente possibile con raffreddamento estremo, probabilmente azoto liquido.



Fonte

Confronto Processori Pentium Celeron Core i3 i5 Core 2 Duo Quad

di Aggregator

Celeron G1610, Pentium G2020 e Core i3-3225 si scontrano con gloriose soluzioni del passato come il Core 2 Quad Q9550 e il Core 2 Duo E8400. Ha senso, se avete una vecchia piattaforma, investire un budget modesto per cambiare la CPU? La parola ai test.

In conclusione siamo rimasti impressionati dalla potenza dell’architettura Core 2, specialmente le CPU a 45 nm che abbiamo provato. Siamo anche delusi dal fatto che Intel non venda più processori a basso costo dedicati agli appassionati, come tanti Celeron e Pentium del passato.

[adv1]

Infine, abbiamo riscontrato che un Core 2 Quad overcloccato (Yorkfield) supera facilmente il Core i3 in diverse applicazioni di codifica video e produttività. Quando la frequenza è abbastanza alta, riesce a tenere il passo del Core i3 anche nei giochi ottimizzati per sfruttare i thread. Il vero vincitore di oggi è il Core i5-3570K. È praticamente senza rivali. Inoltre ha un moltiplicatore sbloccato, il che ci consente di raggiungere livelli prestazionali ancora maggiori.

Fonte

AMD FX-9590 il primo processore 8 core a 5 GHz

di Aggregator

AMD ha presentato oggi il processore FX-9590, il più potente della famiglia AMD FX e il primo al mondo caratterizzato da una frequenza di 5 GHz. Questa CPU dispone di 8 core ed inizialmente sarà disponibile all’interno di PC realizzati dai system integrator.

[adv1]

Fonte

Recensione dissipatori per raffreddare CPU Intel Core Haswell

di Aggregator

Le CPU Haswell hanno bisogno di un ottimo raffreddamento, specie se si vuole aumentare la frequenza. Testiamo nove differenti combinazioni di dissipatori e ventole per vedere qual è la migliore soluzione per gestire i processori Core di quarta generazione.


[adv1]

La compatibilità dei dissipatori con i socket LGA 1150, 1155, 1156 rende (teoricamente) possibile testare decine di dissipatori e ventole. Purtroppo, la maggior parte delle soluzioni sono troppo piccole per far fronte ai problemi di surriscaldamento di una CPU Haswell overcloccata. Dato che Haswell ha la migliore implementazione del throttling termico che abbiamo mai sperimentato, abbiamo stabilito una semplice regola secondo cui qualsiasi dissipatore avesse raggiunto la temperatura di soglia (100 ° Celsius) sarebbe stato escluso dalle considerazioni finali.

Il Noctua NH-U14S non è forse il migliore, ma è l’opzione meno costosa in grado di fare ciò di cui abbiamo bisogno. Secondo nei nostri grafici sul valore, dietro all’Ashura che si qualifica a stento, l’NH-U14S è abbastanza efficace da consentire una temperatura di 31° nel case prima che il nostro Core i7-4770K a 4.5 GHz entrasse in throttling con carichi particolarmente stressanti. In altre parole, ci permette di avere le prestazioni sperate per la maggior parte del tempo.

Fonte

Caratteristiche e funzionamento dei processori dei computer

di Aggregator

Il processore per molti è un pezzo silicio che fa andare il computer, ma all’interno nasconde tante cose. In questo primo articolo affrontiamo il tema della frequenza e delle cache. Parlando di CPU spesso si snocciolano un sacco di specifiche che possono confondere i meno informati. Diciamo subito che i processori si possono identificare con due parametri principali: l’ampiezza e la rapidità. La velocità di un processore è un concetto abbastanza semplice, e si conta in megahertz e gigahertz, che significano milioni e miliardi, rispettivamente, di cicli al secondo (e più alto è il numero meglio è). L’ampiezza di un processore è qualcosa di più complicato perché sono tre le specifiche espresse sotto forma di ampiezze: bus dati (I/O), bus indirizzi e registri interni.

[adv1]

Il bus dati di un processore è chiamato anche front side bus (FSB), processor side bus (PSB) o solo CPU bus. Tutti questi termini si riferiscono a un collegamento (bus appunto) posto tra la CPU e il chipset principale (North Bridge o Platform Controller Hub). Intel usa la terminologia FSB o PSB, mentre AMD usa solo FSB.

Fonte

Recensione benchmark e test AMD FX-8350 Piledriver otto core

di Aggregator

AMD introduce l’architettura Piledriver anche per le proprie proposte della famiglia FX, destinate a sistemi desktop socket AM3+. Frequenze di clock più elevate e migliorie nell’IPC permettono di ottenere un incremento prestazionale rispetto alle proposte FX di prima generazione, tutto con prezzi che rimangono contenuti.

CPU-Z fornisce la tradizionale panoramica delle caratteristiche tecniche del processore FX-8350: frequenza di clock di 4 GHz, spinta sino a 4,2 GHz via tecnologia Turbo Core, con cache L2 da 8 Mbytes totali divisa in 4 blocchi da 2 Mbytes ciascuno. La cache L3 è unificata tra i core in quantitativo di 8 Mbytes, mentre il supporto ai set di istruzioni extra x86 è quello standard già visto nella prima generazione di CPU della famiglia FX, AES incluso.

Segnaliamo come tutte le CPU della famiglia FX basate su architettura Piledriver, al pari del resto di quanto proposto con le versioni di precedente generazione, siano dotate di moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l’alto: questo facilita l’overclock in quanto permette di incrementare la frequenza di funzionamento semplicemente agendo su questo parametro, senza dover variare la frequenza di bus del sistema e quindi spingendo fuori specifica gli altri componenti.

I test di compressione con Winrar e 7-Zip sfruttano al meglio la presenza di più core di processore: da questo ne derivano i validi risultati della CPU AMD FX-8350 sia nel confronto con le proposte concorrenti Intel sia prendendo quale riferimento la CPU FX-8150 basata su architettura Bulldozer, della quale andrà a prendere il posto.

Entrando nel dettaglio dei risultati divisi per tipologia di applicazioni notiamo come la CPU FX-8350 possa beneficiare di un buon margine di vantaggio nei test di calcolo, in quelli multimediali e nella compressione dei dati restando distanziata nel gaming. Questo andamento del resto è pienamente giustificato dalle peculiarità architetturali delle CPU FX: un elevato numero di core, con frequenza di clock alta in senso assoluto, si abbina ad una microarchitettura a livello di singolo core che non permette di pareggiare l’IPC delle proposte Intel. Dove le soluzioni FX riescono ad avvantaggiarsi in modo netto è con quelle applicazioni che ne sfruttano al meglio la disponibilità di ben 8 core.

[adv1]

Se il proprio scenario d’uso di riferimento è fatto di applicazioni che utilizzano un elevato numero di core in parallelo le soluzioni FX, modello FX-8350 in primis, possono rappresentare una interessante alternativa alle proposte Intel della famiglia Core soprattutto quando abbinate ad una scheda madre socket AM3+ di costo contenuto.

Fonte

Raccordi in acciaio e alluminio

di redazione

No related posts.

Pastiglie freno innovative by Brembo

di Domenico Sofia

brembo-pastiglie-freno

Innovative e tecnologiche le pastiglie freno del futuro renderanno il sistema frenante delle auto ancor più performante anche dal punto di vista ambientale, attraverso l’impiego, tra i diversi elementi, di materiale cementizio. E' questo il cuore del Progetto Cobra, un programma altamente tecnologico voluto da Brembo. La pionieristica ricerca avanzata è stata finanziata dal programma LIFE+ della Comunità Europea, che nasce dalla collaborazione di Brembo, leader mondiale nella progettazione, sviluppo e produzione di sistemi frenanti, Italcementi attraverso il proprio centro tecnico di gruppo - CTG, uno dei gruppi leader al mondo nella produzione di cemento, l’Istituto Mario Negri impegnato nella ricerca biomedica e sull’impatto degli inquinanti su ambiente e salute, insieme a CiaoTech S.r.l. di PNO Group, società specializzata nel supporto ai processi di innovazione, di trasferimento tecnologico e di valutazione degli impatti ambientali.  Kilometro Rosso, Parco Scientifico Tecnologico il cui compito è incentivare la Ricerca, lo Sviluppo e l’Innovazione tecnologica tramite lo sviluppo di reti di relazioni interdisciplinari e multisettoriali, ospita al suo interno tre dei quattro partner del progetto (Brembo, Italcementi, Istituto Mario Negri). Cobra è la dimostrazione di come la spinta innovativa venga facilitata dalla contaminazione tra realtà organizzative differenti. Attualmente il sistema frenante è composto da alcuni elementi principali: le pinze, i dischi e le pastiglie dei freni. Le pastiglie, che sono progettate per sopportare le forze frenanti generate dalla pinza e le alte temperature dell’attrito, sono normalmente composte da resine fenoliche termoindurenti e da altri componenti di rinforzo e riempimento. Progetto-cobra-pastiglie-freno-innovative-Brembo Il Progetto Cobra, forte delle competenze di aziende leader nei settori dei sistemi frenati e del cemento, ha come obiettivo quello di sviluppare delle pastiglie innovative, che possano rendere il sistema frenante ancor più performante dal punto di vista ambientale, attraverso l’impiego, tra i diversi elementi, di materiale cementizio. Le nuove potenzialità date dalle tecnologie e il talento dei ricercatori impegnati in una costante ricerca di sistemi e materiali innovativi hanno così dato origine a questo progetto di sviluppo pre-industriale che identifica in una particolare miscela idraulica, composta in parte da materiali innovativi a base di cemento, l’elemento focale nella produzione delle pastiglie e quindi nella progettazione e nella realizzazione di sistemi frenanti di nuova generazione. Infatti, l’impiego di un materiale innovativo a base cementizia potrebbe consentire una significativa riduzione nella produzione di materie prime del consumo di energia in ordine del 90% e di acqua in ordine del 95%. Nell’ambito del progetto, verranno inoltre valutati gli aspetti connessi all’impatto ambientale dei vari materiali utilizzati. Il Progetto, partito da alcuni mesi, vedrà impegnati nei prossimi quattro anni 41 ricercatori di ambiti ed esperienze diverse. Nel Progetto Cobra le frontiere della ricerca si sono ampliate ed arricchite grazie l’esperienza di aziende leader nel settore dei sistemi frenanti, del cemento e della ricerca biomedica che, partendo dall’attuale processo di produzione, hanno messo a disposizione le più elevate competenze scientifiche e tecnologiche, per lo studio e la realizzazione di queste nuove pastiglie. Cobra-progetto-nuove-pastiglie-freno-Brembo-staff-ricercatori Questa ricerca è stata selezionata dalla Comunità europea per ricevere un contributo di 1,48 milioni di euro, attraverso il bando LIFE+. Un investimento importante, che affianca l’impegno economico e di ricerca dei partner su un costo globale di progetto di 3,8 milioni di euro e che testimonia la capacità delle nostre imprese di essere esse stesse luoghi di ricerca avanzata ed applicata, finalizzata all’industrializzazione. Info: www.cobralifeproject.eu

Detergente cerchi e gomme

di redazione

Pulitore-Cerchi-Gomme-Ma-Fra

Il detergente cerchi e gomme di MA-FRA è un prodotto utilissimo per il car care. Ci sono molti detergenti per cerchi, ma pochissimi puliscono sia le ruote che i pneumatici; MA-FRA quindi ha deciso di creare un “2 in 1”, un prodotto in grado di assicurare una perfetta pulizia del cerchio, con un'efficace azione detergente della gomma, predisponendola alla successiva applicazione dello specifico “nero gomme” per far brillare il pneumatico. “Pulitore Cerchi e Gomme”, questa la sua denominazione, è speciale, perché derivato dalla Detailing Line di MA-FRA: è forte, potente e sicuro. Ha una schiuma attiva che elimina, scioglie i residui ferrosi dei freni e lavora fino agli interstizi della gomma, facendo fuoriuscire la terra assorbita nel tempo, fonte di possibili rigature della carrozzeria a contatto con la spugna di lavaggio. Basta spruzzarlo su tutta il pneumatico e il passaruota, lasciandolo agire per un minuto; quando la schiuma avrà assunto una colorazione marrone, significa che il prodotto ha agito ed è pronto per essere risciacquato, senza bisogno di strofinare. Disponibile sugli scaffali della grande distribuzione, oppure nel negozio online di MA-FRA: www.auto-spa.it.

Ohlins Road Track

di Domenico Sofia

Gamma-Ohlins-Road-Track-2015

Le novità 2015 della gamma Öhlins Road&Track, distribuita in esclusiva da Andreani Group, testimoniano il suo continuo sviluppo. Il catalogo 2015 si arricchisce, infatti, con le nuove applicazioni per Golf VII, BMW Serie 3 F30 e BMW Serie 3 E46. La produzione interna Andreani inoltre ha sviluppato kit specifici per Lancia Delta Evoluzione, Fiat Punto Abarth e Peugeot 208 GTI. La qualità e le performance Öhlins oggi sono ancora più alla portata di tutti, grazie al nuovo listino prezzi 2015 sensibilmente ridotto rispetto al 2014. Öhlins Road&Track - Gli ammortizzatori della linea R&T utilizzano l’esclusiva tecnologia DFV (Dual Flow Valve) con valvole a doppio flusso che garantiscono una tenuta di strada ottimale, consentendo al pneumatico di lavorare al meglio; ciò si traduce in migliori performance in pista e maggiore comfort, feeling e piacere di guida su strada. Questo kit prevede la regolazione idraulica dell’estensione dell’ammortizzatore e il precarico delle molle, con un’altezza più bassa di 15 mm rispetto all’originale. Tutti i prodotti della linea R&T sono realizzati con la maggioranza dei componenti in alluminio anodizzato e hanno superato numerosi test, tra cui quello di corrosione in nebbia salina secondo la norma ISO9227 che li garantisce per due anni. Assetto Öhlins Road&Track DFV (Dual Flow Valve) Regolazione idraulica e di precarico Revisionabile Test corrosione in nebbia salina ISO 9227 Garanzia 2 anni Anteriore Regolazione idraulica in estensione Valvola DFV Regolazione precarico molla Altezza 15 mm più bassa rispetto all’originale. Molla coassiale cilindrica da 60 N/mm Cuffia antipolvere Posteriore Regolazione idraulica in estensione e regolatore altezza e precarico molla Altezza 15 mm più bassa rispetto all’originale. Molla cilindrica da 34 N/mm Cuffia antipolvere Assetto-Ohlins DS3 by Elaborare Öhlins assetto per DS3 Tuning by ELABORARE DS3-001-940x529

Ruota Mak X-Mode

di redazione

MAK X-Mode - Gun metallic mirror

Mak propone X-Mode, la nuova ruota in lega dedicata ai SUV BMW X5 e X6; è composta da 10 razze accoppiate, intervallate fra loro dai cinque fori di montaggio. In prossimità del canale esterno, le razze si allargano con un movimento sinuoso, che attribuisce fluidità e dinamicità alla struttura e all’estetica generale della ruota. Nella parte esterna delle stesse è presente una profonda scanalatura che snellisce ulteriormente le forme e le collega con la coppia di razze successiva, creando un effetto ottico particolare per il quale sembrano disposte a “V” anziché essere accoppiate due a due. Nella versione Gun Metallic Mirror questo dettaglio viene ulteriormente enfatizzato proprio dalla speciale finitura che fa risaltare le superfici diamantate. La finitura Silver, invece, è pensata per chi desidera una ruota muscolosa, ma elegante. La colorazione Gloss Black è perfetta per creare un contrasto cromatico con una carrozzeria chiara e dare ancora più risalto al carattere dell’auto. La configurazione sdoppiata delle razze è stata scelta per assicurare robustezza e resistenza, sostenendo il peso e lo stress durante la guida di vetture potenti: congiungendosi al canale esterno su una superficie più estesa, donano alla ruota una solidità e una forza strutturale perfetta. A conferma di ciò, tutte le applicazioni possono vantare l’omologazione ECE124. La gamma di applicazioni di Mak X-Mode è la medesima per tutte le finiture, ovvero 10x20” e 11x20”.

Accessori invernali Nook

di redazione

Protezione parabrezza Nook by SD DIstribuzione

Tra gli accessori invernali per l'auto, la Gamma Nook propone un paio di nuovi must-have per affrontare al meglio la stagione fredda. Nook, brand di accessori specifici per l’inverno,  ha infatti in commercio il copri-parabrezza magnetico, una copertura universale con sistema rapido di montaggio Quik-Fit-Over, per l'applicazione o rimozione in pochi secondi con la semplice chiusura delle porte. I magneti prevengono la perdita di aderenza in caso di vento e offrono una protezione completa. Ideale per tenere il vetro pulito da neve, ghiaccio, sporcizia e polvere, ma ottimo anche in estate per riflettere i raggi UV e il calore. Super compatto: si ripiega in velocità per essere riposto nella sacca in dotazione. Pedana Nook by Speedup Formato pratico ideale per la tasca laterale portiera. Si adatta alla maggior parte dei veicoli. Misura: 204x96.5cm – cod. 1295183 – 8,95 Euro. Un altro accessorio utile è la pedana antislittamento: resistente, in plastica stampata con angoli più pronunciati per una trazione superiore. L'ideale per neve, ghiaccio, sabbia, erba e fango è una sorta di tappeto che fornisce il grip necessario per uscire da qualsiasi situazione. Misura pedana: 63.5x20.5x2.5 cm – cod. 1294244 – 9,95 Euro cad. Tutti gli articoli sono disponibili presso il distributore esclusivo SD Distribuzione, on line su www.speedup.it oppure presso i Megastores Bep’s, ora anche online www.beps.it

Modifica centralina Toyota

di redazione

DIMSPORT New GENIUS

Da oggi sulle Toyota si può modificare direttamente i valori della centralina elettronica di primo equipaggiamento grazie a New Genius, lo strumento professionale prodotto da Dimsport. Se finora le prestazioni della Toyota (nello specifico, tutte quelle dotate di processore NEC76F00XX) erano ottimizzabili solo tramite i moduli aggiuntivi Rapid, ora New Genius permette di dialogare con l’unità di controllo mediante OBDII e a New Trasdata, lo straordinario tool in grado di supportare i più avanzati microprocessori, consentendo di lavorare anche sui veicoli dotati di "sistema antituning". La novità molto attesa dai professionisti dell’elaborazione è frutto del lavoro sempre più tecnologicamente avanzato di Dimsport, azienda leader a livello internazionale nella calibrazione motore, che propone con la Tuning Line Dimsport una vasta gamma di soluzioni per migliorare le prestazioni della propria vettura. DIMSPORT New Trasdata

Carburatori e ricambi

di redazione

Carburatori ricambi Weber

La Tecno2  propone sul mercato la gamma completa di carburatori Weber, oltre a tutti i ricambi e moltissimi accessori perfettamente intercambiabili con quelli d’epoca, acquistabili come fossero componenti attuali e non per veicoli di oltre trent'anni fa! distribuisce in tutta Italia. Sempre più appassionati infatti si dedicano al restauro di vecchie glorie dell’automobilismo degli anni ‘60/’80. Il problema in questi casi sorge quando si devono trovare parti di ricambio, la maggior parte delle quali spesso irreperibili. È il caso ad esempio dei carburatori, dove i materiali di consumo come le guarnizioni, i getti per la messa a punto o le farfalle sono praticamente introvabili. La gamma Weber, il marchio più famoso di carburatori usati dalle più performanti auto da corsa degli anni '60/'80, è quindi la soluzione ideale per questo vintage tuning!

Abarth.it accessori speciali on line

di Marco Savo

abarth-it-sito-web-abarth

On-line il nuovo sito di Abarth, digitando l’indirizzo Abarth.it si ha l’impressione, fin dall’accesso all’home page, di essere accolto in uno showroom virtuale dove le auto sono in primo piano e le informazioni sono raggiungibili in pochi clic e su ogni device. Il sito, infatti, è “fully-responsive”: caratterizzato cioè da un design che assicura la miglior visualizzazione e il funzionamento più efficace su tutti i dispositivi abilitati al web, come i pc, i tablet, gli smartphones, gli iPad e iPhones. abarth-it-sito-web-abarth (3) ABARTH.IT KIT E ACCESSORI - Il brand Abarth vive e fa vivere all’utente le diverse anime del marchio - dalla personalizzazione allo sport; dalla storia alle community – e lo porta direttamente dentro le Officine grazie a un virtual tour del luogo che meglio rappresenta il DNA del brand. La sezione dedicata a Kit e Accessori mostra grazie a grandi foto come i dettagli possono fare la differenza riuscendo a personalizzare al 100% la propria auto rendendola ancora più performante mentre Abarth Racing, dedicato ai più giovani, immerge i visitatori nel mondo delle competizioni con un occhio alla sicurezza presentando i corsi dell’Abarth Driving Academy. Approfondimento su NewsAuto.it - link QUI

Catalogo Simoni Racing 2016

di redazione

Cover-Catalogo-Simoni-Racing

Anno nuovo catalogo nuovo! E' uscito il catalogo Simoni Racing 2016 che raccoglie tantissime nuove proposte come il volante Speciale, Pit Lane, Shakedown o Turismo, nuovi coprivolanti tra cui Universal 2 con cuciture rosse, Cross, Carrera Look, il pomello Shift o lo Special Cucitura Rossa, gli utilissimi DRL Zodiac, gli originali pedali Dark, la nuova e pratica Office Chair: ruote per ufficio complete di sedile sportivo, il kit coprisedili anteriori e posteriori in Ecopelle Nera, l’utilissimo tappeto in gomma per baule, i copricerchi Gran Prix R, i Modena Black Silver, i Maximus o Nascar Black Silver, i singolarissimi Copribulloni Sof Sil in silicone disponbili rosa, verde, rosso o nero. Da segnalare tra le news l’ Head Up Display System per avere sempre sott’occhio le performance della vostra auto. Non mancano naturalmente ampliamenti gamma importanti soprattutto tra le pellicole per fari o per vetri, i kit per sensori di parcheggio, tra i terminali o nei kit allo xenon di ultima generazione. Nuove applicazioni vanno segnalate nella gia’ smisurata gamma di mozzi volante e distanziali ruote ma anche tra le molle assetto e le lampadine alogene o a led. Un catalogo interessantissimo ma anche completo di schede tecniche, schemi e misure per offrire uno strumento di scelta utile non solo agli addetti ai lavori ma anche al consumatore finale sempre più preparato ed esigente. Sul sito www.simoniracing.com è possibile effettuare il download o sfogliare tutto il catalogo o consultare ogni singolo articolo per procedere all’acquisto on line.
❌