Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Ieri — 23 Gennaio 2019RSS feeds

Farming Simulator League: un nuovo evento eSport con un montepremi da 250.000€

di Nicola Armondi

Giant Software ha annunciato Farming Simulator League, una serie di 10 tornei che si terranno in Europa. Il montepremi totale sarà di ben 250.000€: si tratta di una cifra notevole, considerando che il più ricco montepremi precedente è stato di 3000€.

Questa nuova League si baserà su Farming Simulator 2019 e avrà luogo a partire da questa estate: la conclusione sarà al FarmCon nell’estate 2020. La modalità utilizzata sarà la 3vs3. Christian Ammann, CEO di Giant Software e manager della divisione eSport, ha affermato: “Il farming competitivo è qualcosa che le persone apprezzano da anni oramai, ma non è ancora diventato un eSport.”

Ha poi aggiunto: “Ci sono un sacco di estimatori degli eSport nella nostra compagnia che non vedono l’ora di mostrare al mondo che la coltivazione è in realtà divertente e competitivo al tempo stesso. Crediamo di aver trovato il giusto mix tra realismo e divertimento, per far sì che tutti siano intrattenuti da questa attività.

Farming Simulator 2019 è stato distribuito per PC, PlayStation 4 e Xbox One verso la fine dello scorso anno vendendo un milione di copie in soli 10 giorni. Questa nuova lega ha già ottenuto il supporto di vari sponsor, tra i quali figurano Logiteach e Intel.

Farming Simulator 2019 potrebbe essere la vostra occasione di diventare delle stelle dell’eSport!

Nokia: roadmap di aggiornamento ad Android 9 Pie

di Francesco Ciannamea

HMD Global ha iniziato il rilascio dell’aggiornamento ad Android 9 Pie sui suoi smartphone con marchio Nokia. Scoprite i dettagli nel nostro articolo.

(...)
Continua a leggere Nokia: roadmap di aggiornamento ad Android 9 Pie su Androidiani.Com


© francescociannamea for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , , , ,

Samsung anticipa l’arrivo di Android 9 Pie e aggiunge in lista Galaxy M10 e M20

di Paolo Giorgetti

Samsung aggiorna la roadmap degli aggiornamenti ad Android 9 Pie e Samsung One UI con previsioni più ottimistiche per molti suoi dispositivi. Inoltre nella lista fanno la loro comparsa Galaxy M10, Galaxy M20 e altri modelli.

L'articolo Samsung anticipa l’arrivo di Android 9 Pie e aggiunge in lista Galaxy M10 e M20 proviene da TuttoAndroid.

Samsung Galaxy Note 8: in rilascio la seconda beta di Android 9 Pie

di Andrea Genovese

Samsung Galaxy Note 8 proprio in queste ore sta ricevendo un nuovo aggiornamento che introduce la seconda beta dell’ultima versione del sistema operativo Android 9 Pie.

(...)
Continua a leggere Samsung Galaxy Note 8: in rilascio la seconda beta di Android 9 Pie su Androidiani.Com


© andreagenovese for Androidiani.com, 2019. | Permalink |

Tags del post: , ,

Vivo Y89: Snapdragon 626, 4GB di RAM e display da 6,3″

di Andrea Genovese

Vivo Y89 è stato presentato ufficialmente in Cina, introducendo nel mercato uno smartphone di fascia bassa con un buon rapporto qualità/prezzo.

(...)
Continua a leggere Vivo Y89: Snapdragon 626, 4GB di RAM e display da 6,3″ su Androidiani.Com


© andreagenovese for Androidiani.com, 2019. | Permalink |
Qui trovi la classifica del miglior smartphone android
Tags del post: ,

Android 9 Pie in arrivo su Nokia 3.1 Plus e Nokia 5 a giorni, seguono Nokia 6, 3 e 1

di Pietro Paolucci

Ecco la roadmap di HMD Global relativa agli aggiornamenti di alcuni Nokia. Riceveranno Android 9 Pie in settimana Nokia 3.1 Plus e Nokia 5, mentre per Nokia 6, 3 e 1 ci sarà da pazientare ancora un pochino, ma non oltre la prossima primavera.

L'articolo Android 9 Pie in arrivo su Nokia 3.1 Plus e Nokia 5 a giorni, seguono Nokia 6, 3 e 1 proviene da TuttoAndroid.

Huawei P10 e HONOR 9 iniziano ad aggiornarsi alla EMUI 9.0.1

di Vincenzo

Huawei P10 e HONOR 9 stanno iniziando a ricevere in Cina un nuovo aggiornamento software con la EMUI 9.0.1 e le patch di siscurezza di gennaio 2019.

L'articolo Huawei P10 e HONOR 9 iniziano ad aggiornarsi alla EMUI 9.0.1 proviene da TuttoAndroid.

Xiaomi Mi Dual Flex o Xiaomi Mi MIX Flex? Lo smartphone flessibile di Xiaomi è già realtà

di Irven Zanolla

Il presidente di Xiaomi, Lin Bin, mostra il primo smartphone pieghevole della compagnia cinese, che potrebbe chiamarsi Xiaomi MIX Flex o Xiaomi Dual Flex.

L'articolo Xiaomi Mi Dual Flex o Xiaomi Mi MIX Flex? Lo smartphone flessibile di Xiaomi è già realtà proviene da TuttoAndroid.

Disponibile la versione beta pubblica di EMUI 9 con Android 9 Pie per HONOR 8X

di Roberto F.

HONOR ha annunciato che è stata aperta una fase beta pubblica per provare in anteprima l'aggiornamento a Android 9 Pie per HONOR 8X

L'articolo Disponibile la versione beta pubblica di EMUI 9 con Android 9 Pie per HONOR 8X proviene da TuttoAndroid.

Meno recentiRSS feeds

Honor View 20: disponibile in Italia a 699,90 euro, la nostra anteprima da Parigi

di Lucia Massaro

Honor View 20 è stato annunciato poco fa in Europa all’interno di un evento organizzato a Parigi. Con questo smartphone, il brand cinese rinnova la propria linea premium anticipando quelle che saranno le tendenze dell’anno e rivolgendo – come sempre – una grande attenzione al design. Lievitano i prezzi rispetto al passato (la versione top tocca i 699 euro), comunque più bassi rispetto ai brand “più noti” ma che lo mettono in diretta competizione con gli Xiaomi di fascia alta e con OnePlus.

Abbiamo avuto modo di testare questo Honor View 20 a margine dell’evento di presentazione. La prima sensazione è quella di avere tra le mani uno smartphone raffinato e ben costruito. Partiamo subito con una delle novità più importanti: il foro sul display. L’azienda è riuscita a raggiungere un elevato rapporto screen-to-body grazie alla scelta di integrare la fotocamera frontale da 25 Megapixel all’interno di un piccolo buco di 4,5 mm posto sulla parte alta dello schermo.

A tal proposito, il pannello IPS LCD da 6,4 pollici ci è sembrato di alto livello così come la visibilità. Non siamo certamente ai livelli dei display OLED ma nel complesso è assolutamente convincente. La fruibilità dei contenuti multimediali sembra non essere pregiudicata dalla presenza del foro ma è un aspetto che potrà essere approfondito solo in fase di test.

Abbiamo realizzato qualche scatto – che potete vedere all’interno dell’articolo – e la qualità ci è sembrata davvero elevata nonostante le difficili condizioni di luce. Discorso analogo per la fotocamera posteriore da 48 Megapixel coadiuvata dal sensore TOF 3D. In ogni caso, è troppo presto poter esprimere un giudizio definitivo, per il quale vi rimandiamo alla recensione completa che pubblicheremo nei prossimi giorni.

Difficile comunque che possa deludere data la presenza a bordo del Kirin 980 di Huawei che, sfruttando gli algoritmi di intelligenza artificiale e la doppia rete neurale, è in grado di migliorare la qualità delle foto aumentando il livello di dettagli e ottimizzando i parametri di scatto. A proposito della piattaforma hardware, a un primo e rapido utilizzo Honor View 20 ci è sembrato fluido e scattante, merito probabilmente degli 8 Gigabyte di RAM e dell’ottimizzazione software con Magic UI 2.0. Anche in questo caso, si tratta di una prima impressione e le prestazioni potranno essere valutate approfonditamente nell’utilizzo quotidiano.

Non delude dal punto di vista del design. La back cover è realizzata in vetro e per la texture che ricrea la V sfumata è stata utilizzata la nanolitografia. L’effetto ricreato è davvero molto particolare. Lo smartphone non risulta scivoloso. Le cornici estremamente ridotte sembrano sufficienti a evitare tocchi involontari. Difficile utilizzarlo con una sola mano a causa delle dimensioni importanti. In tal senso, parliamo di 156,9 x 75,4 x 8,1 mm per 180 grammi di peso.

Honor View 20 è già disponibile in Italia sullo store online (raggiungibile a questo link) e nelle principali catene di elettronica nella sola versione con 8GB di RAM e 256 GB di memoria interna e nelle varianti cromatiche Midnight Black e Phantom Blue. Lo smartphone è acquistabile a 699,90 euro, un prezzo che – seppur mantenendosi al di sotto di quelli imposti dai marchi più blasonati – è lievitato rispetto alla generazione precedente. In questo modo, si scontrerà certamente con Xiaomi e OnePlus, che propongono ugualmente prodotti top a cifre anche inferiori.

In ogni caso, le prime sensazioni sono assolutamente positive. Vedremo se Honor View 20 riuscirà a conquistare il mercato grazie alle caratteristiche tecniche, riprese in buona parte dal Mate 20 Pro di Huawei, posizionato però a 1.099 euro. Le intenzioni dell’azienda sono chiare. Dopo aver annunciato una crescita su base annua del 170% nei mercati esteri, Honor intende continuare su questa strada per entrare a far parte della lista dei principali produttori di smartphone al mondo.

Honor View 10 Lite è uno dei migliori smartphone per chi ha un budget non superiore ai 270 euro. È disponibile all’acquisto sullo store ufficiale, lo trovate a questo link.

HONOR View 10 Lite si aggiorna ad Android 9 Pie ed EMUI 9.0 in beta

di Paolo Giorgetti

I possessori di HONOR View 10 Lite che desiderano provare in beta Android 9 Pie con interfaccia EMUI 9.0 possono aderire al programma di test e aggiornare: ecco come fare.

L'articolo HONOR View 10 Lite si aggiorna ad Android 9 Pie ed EMUI 9.0 in beta proviene da TuttoAndroid.

Oscar 2019: annunciate le nomination, Black Panther candidato a miglior film!

di Raffaele Giasi

Si è appena conclusa la diretta relativa alle nomination per gli Oscar 2019 e, segno dei tempi che passano, oltre che sui consueti network televisivi l’evento è stato fruibile in tempo reale anche su  YouTube.

Lo show è stato condotto con spigliatezza da Tracee Ellis Ross e Kumail Nanjiani i quali hanno illustrato in modo asciutto le diverse categorie con relative nomination, annunciando un anno veramente interessante per l’attesissima manifestazione.

I favoriti, a quanto pare, sono stati Roma e La Favorita, entrambi con ben 10 nomination, anche se la vera sorpresa è stato il campione di incassi Disney/Marvel Black Panther, aggiudicandosi un posto all’ambito tavolo dei papabili al titolo di Miglior Film, nonché la candidatura ad un totale di ben 7 statuette.

L’annuncio è ovviamente un evento, in quanto Black Panther è il primo cinecomics in senso stretto ad ottenere una candidatura all’ambito premio, segnando quindi anche un successo per lo straordinario lavoro di comunicazione e promozione del film, vero e proprio caso mediatico della passata stagione cinematografica, e già da qualche tempo sotto i riflettori per una possibile candidatura da parte dell’Academy per la categoria dedicata alle migliori pellicole.

Sempre in tema di grandi successi candidati alla statuetta per Miglior Film, si segnala anche la presenza di Bohemian Rhapsody, chiudendo idealmente la carrellata di premi e riconoscimenti per il biopic basato sulla vita di Freddie Mercury.

Di seguito la lista dei film con il maggior numero di nomination:

Roma: 10
La Favorita: 10
A Star is Born: 8
Vice: 8
Black Panther: 7
BlackKklansman: 6
Green Book: 6
Bohemian Rhapsody: 5
First Man: 4
Copia Originale: 3
La Ballata di Buster Scruggs: 3
Cold War: 3

A questo punto vi rimandiamo alla diretta delle nomination che potete riguardare grazie al canale ufficiale su YouTube nonché, ovviamente, alla lista completa delle candidature.

Gli Oscar 2019 si terranno il prossimo 24 febbraio in diretta dal Dolby Theatre. Ancora avvolta nel mistero la figura della conduzione, vacante dopo la defezione dell’attore Kevin Hart. 

Attore protagonista

Christian Bale – Vice
Bradley Cooper – A Star is Born
Willem Dafoe – Van Gogh
Rami Malek – Bohemian Rhapsody
Viggo Mortensen – Green Book

Attrice protagonista

Yalitzia Aparicio – Roma
Glen Glose – The Wife
Olivia Colman – La Favorita
Lady Gaga – A Star is Born
Melissa McCarthy – Copia Originale

Regia

BlackKklansman – Spike Lee
Cold War – Pawel Pawlikowski
La Favorita – Yorgos Lanthimos
Roma – Alfonso Cuaron
Vice – Adam McKay

Miglior film

Black Panther
BlackKklansman
Bohemian Rhapsody
La Favorita
Green Book
Roma
A Star is Born
Vice

Attore non protagonista

Mahershala Ali – Green Book
Richard E. Grant – Copia Originale
Adam Driver – BlackKklansman
Sam Elliott – A Star is Born
Sam Rockwell – Vice

Attrice non protagonista

Amy Adams – Vice
Maria de Tavira – Roma
Regina King – Se la Strada Potesse Parlare
Emma Stone – La Favorita
Rachel Weisz – La Favorita

Costumi

La Ballata di Buster Scruggs
Black Panther
La Favorita
Il Ritorno di Mary Poppins
Maria Regina di Scozia

Sonoro

Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
Roma
A Star is Born

Montaggio sonoro

Black Panther
Bohemian Rhapsody
First Man
A Quiet Place
Roma

Cortometraggio animato

Animal Behaviour
Bao
One Small Step
Weekends
Late Afternoon

Cortometraggio live action

Detainment
Mother
Fauve
Marguerite
Skin

Colonna sonora

Black Panther
BlackKklansman
Se la Strada Potesse Parlare
L’Isola dei Cani
Il Ritorno di Mary Poppins

Montaggio

BlackKklansman
Bohemian Rhapsody
La Favorita
Green Book
Vice

Film straniero

Capernaum
Cold War
Never Look Away
Roma
Shoplifters

Cortometraggio documentaristico

Black Sheep
Endgame
Life Boat
A Night at the Garden
Period end of sentence

Documentario

Free Solo
Minding the Gap
Hale County this Morning, this Evening
Of Fathers and Sons
RBG

Scenografie

Black Panther
La Favorita
First Man
Il Ritorno di Mary Poppins
Roma

Fotografia

Cold War
La Favorita
Never Look Away
Roma
A Star is Born

Effetti visivi

Avengers: Infinity War
Christopher Robin
First Man
Ready Player One
Solo: a Star Wars Story

Trucco

Border
Maria Regina di Scozia
Vice

Film d’animazione

Gli Incredibili 2
L’Isola dei Cani
Mirai
Ralph Spacca Internet
Spider-Man: Un Nuovo Universo

Canzone originale

Black Panther
RBG
Il Ritorno di Mary Poppins
A Star is Born
La Ballata di Buster Scruggs

Sceneggiatura non originale

La Ballata di Buster Scruggs
BlackKklansman
Copia Originale
Se La Strada Potesse Parlare
A Star is Born

Sceneggiatura originale

La Favorita
First Reformed
Green Book
Roma
Vice

 

 

Gigabyte sale sul carro dei 128 GB: supporto alle RAM da 32 GB in arrivo

di Marco Pedrani

Dopo MSI e Asus, anche Gigabyte ha annunciato che tutte le sue schede madre con chipset Z390 e C246 supporteranno moduli RAM da 32 GB, così da avere 128 GB di memoria totali anche sulle schede dotate solamente di 4 slot DIMM. La compatibilità sarà fornita tramite un aggiornamento del BIOS.

Finora i moduli da 32 GB sono stati un’esclusiva delle workstation che utilizzano RAM registered, ma con l’arrivo dei nuovi processori Intel Core di nona generazione i vari produttori hanno lavorato a stretto contatto proprio con Intel per portare questa capacità anche nella fascia consumer.

Mentre MSI e Asus si sono limitate ad offrire la compatibilità sulle schede Z390, Gigabyte ha deciso di includere anche quelle C246. Il chipset C246 è utilizzato nelle workstation con processori Xeon E e RAM ECC, e chi usa queste macchine necessita e sfrutta grandi quantitativi di memoria: Gigabyte ha quindi pensato bene di dare anche a questi utenti la possibilità di avere fino a 128 GB di RAM.

La schermata home di Sony Xperia XZ4 si mostra in una prima immagine reale

di Tommaso

Un nuovo leak di Sony Xperia XZ4 ci mostra quella che dovrebbe essere la schermata home dello smartphone, con la barra di navigazione che riprende la pillola di Android 9 Pie.

L'articolo La schermata home di Sony Xperia XZ4 si mostra in una prima immagine reale proviene da TuttoAndroid.

Prima classifica DxOMark Selfie: Google Pixel 3 e Samsung Galaxy Note 9 in vetta

di Vincenzo

Oggi è stata pubblicata la prima classifica DxOMark Selfie che vede primeggiare, a parità di punteggio complessivo, Google Pixel 3 e Samsung Galaxy Note 9.

L'articolo Prima classifica DxOMark Selfie: Google Pixel 3 e Samsung Galaxy Note 9 in vetta proviene da TuttoAndroid.

Honor View 20: segui con Tom’s la live per il lancio europeo

di Saverio Alloggio

Per partecipare all’esclusiva di lancio di Honor View 20, vi basterà collegarvi domani – 22 gennaio – sulla homepage di Tom’s, a partire dalle 17:00.

Honor View 20 è ufficialmente tra noi. Con un evento organizzato ad hoc a Parigi, lo smartphone verrà lanciato a livello globale dopo il suo annuncio in Cina lo scorso 26 dicembre. L’ultima creatura dell’azienda cinese si presenta con una scheda tecnica da top di gamma e con un design davvero particolare grazie al foro sul display. Un elemento destinato a diventare un trend in questo 2019.

Partiamo dalla parte frontale che è stata completamente ridisegnata rispetto al predecessore Honor View 10. Il display è IPS LCD da 6,4 pollici con risoluzione Full-HD+ (2310 X 1080 pixel) e rapporto di schermo di 19,25:9. In questo caso, il produttore cinese ha ridotto le cornici abbandonando anche il notch e scegliendo di integrare la fotocamera frontale da 25 Megapixel (con obiettivo f/2.0) all’interno di un foro sul display del diametro di soli 4,5 mm. In questo modo, è stato raggiunto il 91,82% di rapporto screen-to-body.

Il foro è stato posizionato sul lato alto sinistro e girando lo smartphone in posizione orizzontale si ha davvero la sensazione di avere un dispositivo quasi totalmente borderless. Tuttavia, in fase di recensione, sarà interessante capire se questo foro possa risultare un impedimento nella fruizione dei contenuti multimediali.

Le novità non mancano nemmeno per il comparto fotografico. Sulla parte posteriore c’è un sensore Sony IMX586 da ben 48 Megapixel e obiettivo f/1.8, coadiuvato da un sensore TOF 3D, che dovrebbe essere in grado di ricreare un migliore effetto bokeh (fondo sfocato) e immagini tridimensionali. Inoltre, grazie alla tecnologia denominata Pixel Binning che combina 4 pixel in 1, la risoluzione verrà ridotta a 12 Megapixel per garantire foto più luminose in condizioni di scarsa luminosità.

La fotocamera utilizza gli algoritmi di intelligenza artificiale di cui è dotato il processore Kirin 980, che abbiamo già avuto modo di apprezzare in altri dispositivi come il Mate 20 Pro. Nel caso del View è accoppiato a 6 o 8 Gigabyte di RAM e 128 o 256 Gigabyte di memoria interna non espandibile. La piattaforma software è affidata ad Android 9 Pie personalizzato con l’interfaccia grafica MagicUI 2.0, che mette a disposizione tantissime opzioni di personalizzazione.

La scocca è realizzata in vetro con una particolare texture sul retro, che ricrea delle linee a forma di V visibili tramite i soliti giochi di luce a cui ci ha ormai abituati Honor. Gli angoli sono arrotondati e le dimensioni generali sono pari a 156,9 x 75,4 x 8,1 mm per 180 grammi di peso. I materiali utilizzati, unitamente al sistema di raffreddamento a liquido, dovrebbero garantire una perfetta dissipazione del calore.

La batteria è più capiente rispetto al predecessore. Ci sono infatti ben 4.000 mAh con supporto alla ricarica rapida Super Charge (da o% a 50% in 30 minuti). Completa la connettività: WiFi dual-band ac, Bluetooth 5.0, A-GPS a doppia frequenza, NFC, porta USB-C e jack audio da 3,5 mm. Manca un secondo altoparlante stereo e non ci sono certificazioni di impermeabilità.

Attendiamo comunicazioni ufficiali in merito ai prezzi per l’Europa. La strategia del produttore cinese dovrebbe comunque rimanere la medesima, ovvero puntare sul rapporto qualità/prezzo. Honor View 20 sarà comunque disponibile nelle varianti cromatiche Sapphire Blue, Midnight Black e Phantom Blue, come sempre pensate per intercettare i gusti di un’ampia fetta di utenti, incluso il pubblico femminile.

Honor View 10 Lite è uno dei migliori smartphone per chi ha un budget non superiore ai 270 euro. È disponibile all’acquisto sullo store ufficiale, lo trovate a questo link.

Samsung Exynos 9825 potrebbe diventare realtà su Galaxy Note 10

di Vincenzo

Samsung potrebbe avere in serbo un nuovo SoC di fascia alta identificato come Exynos 9825 e che potrebbe essere il cuore del futuro Galaxy Note 10.

L'articolo Samsung Exynos 9825 potrebbe diventare realtà su Galaxy Note 10 proviene da TuttoAndroid.

❌