Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Meno recentiRSS feeds

Modi per condividere la connessione internet da Smartphone

di Claudio Pomes
Negli uffici o anche a casa, per avere internet su tutti i computer, la cosa più conveniente è comprare un router wifi che distribuisca la connessione a tutti i computer e crei una rete senza fili...

Continua...

Microsoft Xbox Live su Android e iOS: arriva l'SDK per tutti gli sviluppatori

di HDblog.it

Microsoft Xbox Live è in arrivo per Android e iOS. Il colosso di Redmond ha appena annunciato un SDK cross-platform che permetterà ai giochi degli sviluppatori che decideranno di implementarlo, di ottenere funzioni come gamerscore, obiettivi, lista amici, club, statistiche e addirittura alcune impostazioni di controllo genitori (gli sviluppatori potranno scegliere quali parti implementare e quali no). L'utente non dovrà fare altro che accedere con il proprio account Microsoft.

Microsoft ha anche detto in modo piuttosto chiaro che sarebbe ben contenta di portare Xbox Live anche sulle piattaforme console concorrenti, vale a dire PlayStation e Nintendo Switch: "siamo intenzionati a collaborare con il resto del settore al massimo delle nostre possibilità", ha detto il responsabile della divisione cloud gaming Kareem Choudhry, ma per il momento non ci sono annunci a riguardo. Insomma, che a Nintendo e Sony interessi questo tipo di partnership è ancora tutto da stabilire, nonostante le indiscrezioni iniziali parlassero espressamente di un SDK anche per Switch.

Xbox Live è già stato avvistato su Android e iOS, ma in pochi giochi (solo quelli prodotti da Microsoft stessa, primo fra tutti Minecraft) e con poche funzionalità (prevalentemente gli obiettivi). L'annuncio fa parte di una strategia ben più ampia, volta a espandersi al massimo in ambito cloud gaming e sviluppo.


Tra i più desiderati del 2018, superato solo da Mate 20 Pro? Huawei P20 Pro, compralo al miglior prezzo da Unieuro a 499 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

FCA, 900 mila auto sono oltre i limiti EPA. Il richiamo negli USA

di Antonio Elia Migliozzi

Quando si parla di emissioni ai costruttori di auto si drizzano i capelli. Questa volta tocca ad Fca che si trova costretta a richiamare circa 900.000 auto per colpa di un superamento dei limiti previsti dalla normativa Usa sulle vetture benzina. Il colosso dell’auto ci ha tenuto a precisare che non è stata elevata, dalle autorità americane, alcuna multa a suo carico ma che si prenderà cura dei modelli coinvolti. Da canto suo l’Autorità ambientale americana EPA ha fatto sapere che procede nelle indagini perché convinta che la lista di modelli non conformi non sia ancora completa. Fca si trova di nuovo nell’occhio del ciclone dopo che lo scorso gennaio era emersa una problematica simile su alcuni modelli diesel. Vediamo i dettagli delle indagini.

EMISSIONI BENZINA

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto sapere che procederà al richiamo di ben 862.520 veicoli a benzina negli Stati Uniti. Si tratta di auto che non soddisfano gli standard in materia di emissioni previsti dalla normativa vigente negli Stati Uniti. Il richiamo è stato motivato dagli esiti negativi delle indagini sulle emissioni svolte dall’EPA (Environmental Protection Agency). L’Agenzia americana per la tutela ambientale EPA, ha comunque affermato che continuerà a indagare su altri veicoli prodotti da Fiat Chrysler perché questi sono potenzialmente non conformi alla normativa vigente. Insomma una bella grana per Fca che già fa i conti con i numeri impressionati di questa campagna di richiamo il cui bilancio, come anticipato dalle autorità Usa, potrebbe anche aggravarsi aprendo la strada a richiami futuri (Leggi le novità FCA al Salone di Ginevra 2019).

I MODELLI

Al momento il richiamo include diversi modelli a marchio Fca; si parte dai Dodge Journey prodotti dal 2011 al 2016, si passa alle Chrysler 200 e Dodge Avenger datati 2011 e si prosegue con i Dodge Caliber prodotti dal 2011 al 2012. Richiamo anche per Jeep i SUV Compass e Patriot usciti dalle linee di produzione tra il 2011 ed il 2016. Fiat Chrysler ha voluto precisare che il richiamo disposto dall’EPA non ha implicazioni in termini di sicurezza e non sono state emesse a suo carico multe per la violazione. Pare che il problema sia stato scoperto dalla stessa Fca durante test di routine sulle emissioni. Il problema è stato poi segnalato dal brand all’agenzia. Da Fca si è fatto sapere che sono stati contattati, già a partire dal mese scorso, i proprietari dei mezzi interessati per informarli delle riparazioni necessarie, che saranno effettuate gratuitamente (Leggi le novità Jeep al Salone di Ginevra 2019). L’EPA ha dato merito ad Fca di aver tenuto una condotta cristallina sul caso.

IL PIANO

Nel frattempo i proprietari delle auto coinvolte potranno continuare a guidare i loro veicoli. Del resto il gran numero di mezzi coinvolti impone l’acquisto di componenti di ricambio sufficienti; nel dettaglio si parla del convertitore catalitico del veicolo. Perciò questo richiamo verrà implementato in più fasi durante tutto il 2019. Insomma una nuova grana per Fca che a gennaio ha patteggiato negli Usa una multa da 800 milioni di dollari. In quel caso il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e lo Stato della California avevano imputato ad Fca l’uso di software illegali per falsare le emissioni dei diesel Ram e Jeep.

L'articolo FCA, 900 mila auto sono oltre i limiti EPA. Il richiamo negli USA proviene da SicurAUTO.it.

Huawei Matebook 13 in vendita in Italia a partire da 999€

di Alexandre Milli

Annunciato lo scorso gennaio, il nuovo Huawei Matebook 13 è da oggi disponibile all’acquisto in Italia a partire da 999 €. Trovate il link per comprarlo in fondo all’articolo. Huawei Matebook 13 da 999€ Huawei, azienda leader nel settore della tecnologia, annuncia l’arrivo in Italia di Huawei Matebook 13. L’ultimo notebook – presentato a Barcellona lo scorso […]

Puoi leggere l'articolo Huawei Matebook 13 in vendita in Italia a partire da 999€ in versione integrale su WindowsBlogItalia. Non dimenticare di scaricare la nostra app per Windows e Windows Mobile, per Android, per iOS, di seguirci su Facebook, Twitter, Google+, YouTube, Instagram e di iscriverti al Forum di supporto tecnico, in modo da essere sempre aggiornato su tutte le ultimissime notizie dal mondo Microsoft.

Telegram: tre milioni di utenti in più nel giorno del down di Whatsapp.

di Canna
Poche persone, nella giornata di ieri, sono rimaste indifferenti al down dei social di Zuckerberg: chi non usa i social e chi usa Telegram. A gioire è stato infatti Pavel Durov, CEO  di Telegram che ha visto crescere la sua […]

Apple annuncia la WWDC 2019

di Marco Grigis

Apple ha annunciato ufficialmente la WWDC 2019, l’annuale conferenze dedicata agli sviluppatori, giunta quest’anno alla sua trentesima edizione. E vengono confermate le date trapelate nelle ultime settimane: l’appuntamento si terrà dal 3 al 7 giugno, presso il McEnery Convention Center di San Jose.

Leggi il resto dell’articolo

WWDC 2019 ufficiale, il keynote si terrà il prossimo 3 giugno

di HDblog.it

Apple ha fissato ufficialmente la date in cui la WWDC 2019 si terrà quest'estate, i precedenti rumor si sono dimostrati accurati e possiamo confermarvi che la conferenza sviluppatori prenderà vita tra il 3 e il 7 giugno. La location sarà la medesima degli ultimi due anni, il McEnery Convention Center di San Jose.

Come al solito, la giornata di apertura sarà anche protagonista del classico keynote, durante il quale potremo dare un primo sguardo alle nuove versioni dei sistemi operativi iOS, macOS, watchOS e tvOS. E' peraltro molto probabile, che sul palco possano trovare spazio nuovi annunci e prodotti inediti, ma è presto per poterne parlare con cognizione di causa.

Gli sviluppatori interessati a parteciparvi avranno tempo fino al 20 marzo per inviare la loro adesione (a questo link), partecipando così alla possibilità di acquistare i biglietti. Vista la grande richiesta, ci sarà una vera e propria estrazione, che per alcuni fortunati offrirà la possibilità di procedere all'acquisto del biglietto (che costerà 1.599 dollari).


L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8 è in offerta oggi su a 493 euro oppure da Media World a 549 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

iPhone XI Max: ancora render poco convincenti

di Elena Tocci

Trapelate in rete nuovi render che ritraggono il prossimo telefono targato Apple: iPhone XI Max potrebbe avere alcune nuove opzioni di colore.
  • 14 Marzo 2019 ore 17:55

Capote in tela: tecnologia e sicurezza dietro un tetto in tessuto

di Redazione

Si fa presto a dire spider. Prima, in effetti, su una cabriolet si aggiungeva una semplicissima copertura in tessuto impermeabile e, in caso di pioggia, il riparo era servito. Oggi le cose sono completamente diverse. Anche su un’auto che nasce per essere guidata aperta, la capote in tela deve soddisfare numerosi requisiti di comfort, isolamento acustico, sicurezza, aerodinamica, durata e, non ultimo, design.

TUTTI I PROBLEMI DELLA MANCANZA DI UN TETTO

Bella, la macchina aperta. Ma per i progettisti una spider presenta sempre una serie di problemi in più da risolvere. Prima di tutto, una spider ha minor rigidità torsionale. Perché la scocca non si chiude nella parte alta e tende a flettersi. Per ovviare a questo problema, che compromette in maniera rilevante handling e piacere di guida, si tende a inserire rinforzi strutturali nella zona dietro ai sedili. Ma questo comporta un aumento del peso. E il peso, si sa, è nemico delle prestazioni.

VANTAGGI E SVANTAGGI DEL TETTO RIGIDO

In un passato recente, proprio per ovviare almeno in parte alla questione della rigidità torsionale, le Case hanno proposto una serie di cabrio con tetto rigido a scomparsa. Dalla Mercedes SLK in avanti, sono stati parecchi i modelli con questa tecnologia. Chiudendo in maniera più indeformabile la struttura della vettura tra parabrezza e montanti posteriori, il tetto rigido garantisce una maggiore resistenza alla torsione. A questo, con la capote rigida si aggiunge un maggior comfort acustico, perché si riducono turbolenze e fruscii e si aumenta l’insonorizzazione. Allo stesso tempo, però, si aumentano gli ingombri al posteriore quando si vuole viaggiare aperti.

IL RITORNO DELLA TELA

Le ultime tendenze, spinte forse anche da logiche di marketing, hanno visto un ritorno delle capote in tela. Che intanto, in questi anni, hanno compiuto numerosi progressi. Quelli più evidenti riguardano il materiale con cui sono realizzate. Ultimamente si vedono capote multistrato che sovrappongono vari tessuti e vari materiali per unire in un solo elemento diverse qualità. Lo strato esterno, ad esempio, tende ad essere più robusto e rigido, in modo da garantire una forma più regolare a tutto vantaggio della penetrazione aerodinamica e della riduzione dei fruscii. Al di sotto di questo, scendendo verso l’abitacolo, si trovano invece tessuti fonoassorbenti che lavorano sull’attenuazione del rumore grazie all’adozione di strutture “a spugna”. Questa combinazione permette di viaggiare a capote chiusa con valori di comfort acustico molto vicini a quelli di una versione “chiusa” dello stesso modello.

UNA SICUREZZA CON IL BOTTO

La presenza della tela sopra la testa degli occupanti impone poi numerosi accorgimenti per non compromettere la sicurezza dell’auto, soprattutto in caso di ribaltamento. Le due soluzioni più diffuse riguardano il rinforzo dei montanti anteriori, quelli ai lati del parabrezza, e la presenza di roll bar posteriori. I primi sono semplicemente più resistenti e non flettono neanche se, a contatto con il terreno, sono schiacciati dal peso della stessa auto. I secondi, che sono spesso affogati all’interno del corpo vettura, fuoriescono grazie all’esplosione di piccole cariche pirotecniche nel momento in cui i sensori dedicati rilevano un sollevamento e un inizio di rotazione della vettura. Così gli occupanti hanno una protezione integrale che permette loro di non entrare a contatto con il terreno. Per valutare quanto questi rinforzi sono realmente efficaci, l’ADAC svolge dei crash test dedicati alle cabrio nelle prove di cappottamento.

L’INNOVATIVA CAPOTE DELLA NUOVA 911

Tra le capote più innovative sul mercato, c’è quella della recentissima Porsche 911 Cabrio, che in un certo senso può essere definita una copertura ibrida. Il tetto della 911 Cabrio è a tutti gli effetti in tela, ma sotto il tessuto presenta quattro sezioni rigide in magnesio che, quando la capote è chiusa, si dispongono una attaccata all’altra. Questa struttura permette all’auto di combinare la bellezza retrò della tela con una sagoma del tetto molto simile a quella di una copertura rigida e quasi indeformabile. Con tutti i vantaggi in termini di aerodinamica (la curva del tetto è molto simile a quella della coupé, con cui la Cabrio condivide anche il Cx di 0,29). Questa tecnica ha permesso di dotare la nuova 911 anche di un lunotto rigido in vetro, a tutto vantaggio della visibilità posteriore, e, allo stesso tempo, di ridurre gli ingombri della capote, che una volta ripiegata è alta 23 centimetri e lunga 55 (grazie anche al fatto che il tessuto non è fissato ai pannelli sottostanti).

IL ROLL BAR SALVA GLI OCCUPANTI E IRRIGIDISCE LA SCOCCA

Al di sotto della capote della nuova 911 Cabrio, che grazie al peso contenuto può essere ripiegata a scomparsa all’interno dell’apposito vano in soli 12”, anche in movimento, a velocità inferiori ai 50 km/h, l’auto presenta due roll bar a molla che vengono liberati da una piccola carica esplosiva quando si avverte il rischio di ribaltamento. Se al momento dell’estrusione degli stessi la capote è chiusa, delle punte metalliche in tungsteno si allungano verso il lunotto per evitare che questo contrasti la fuoriuscita delle protezioni. Intelligentemente, questi roll bar sono studiati in modo da incrementare la rigidità torsionale della scocca quando normalmente alloggiati all’interno del corpo vettura.

L'articolo Capote in tela: tecnologia e sicurezza dietro un tetto in tessuto proviene da SicurAUTO.it.

Google blocca 2,3 miliardi di annunci ingannevoli

di Marco Locatelli

Con l’obiettivo di fermare truffe, abusi, malware e altre criticità che affliggono il settore della della pubblicità online, Google ha bloccato 2,3 miliardi di annunci pubblicitari ingannevoli o pericolosi nel 2018.

Leggi il resto dell’articolo

ASUS: ecco TUF Gaming e Phoenix GeForce GTX 1660

di Marco Locatelli

ASUS annuncia due nuove schede grafiche GeForce GTX 1660 della serie TUF Gaming e Phoenix. Il nuovo chipset segue la scia del precedente 1660Ti, offrendo ai gamer una gamma di scelta ancora più ampia per l’acquisto di una scheda video performante nella fascia media.

Leggi il resto dell’articolo

Apple, la causa con Qualcomm una ritorsione per il passaggio ai modem Intel

di HDblog.it

Nelle scorse ore a San Diego, Apple e Qualcomm hanno presentato le loro argomentazioni finali nel processo che le vede contrapposte in merito ad una presunta violazione di brevetti. Da un lato Qualcomm si è concentrata su uno dei tre brevetti oggetto della disputa legale, dall'altro Apple ha sostenuto che l'origine di questa causa è una "ritorsione" da parte di Qualcomm per il passaggio di Apple ad Intel per la fornitura dei modem per iPhone.

Questo processo è soltanto l'ultima schermaglia in una lunga battaglia legale tra le due società incentrata su tre brevetti che Qualcomm sostiene che siano stati usati da Apple senza autorizzazione su alcune versioni di iPhone: uno è relativo alla possibilità che uno smartphone ha di collegarsi rapidamente ad Internet una volta avviato il device; il secondo riguarda l'elaborazione grafica e la durata della batteria; il terzo consente alle app installate di scaricare dati più facilmente regolando il traffico tra il processore delle app ed il modem.

Nelle sue ultime argomentazioni, Qualcomm si è focalizzata sul brevetto che riguarda l'avvio di uno smartphone. Secondo Apple, questa tecnologia sarebbe stata co-inventata da un suo ex ingegnere, Arjuna Siva, quando lavorava allo sviluppo di iPhone. Qualcomm ha ribattuto a queste affermazioni citando il fatto che Silva avrebbe affermato di non "pretendere" di essere un co-inventore.


Uno smartphone concreto, veloce e con un display eccellente? Asus Zenfone 5Z, compralo al miglior prezzo da Amazon a 399 euro.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Talkwalker

di Isabella Costa
Talkwalker è una piattaforma di social analytics che permette di aggregare dati provenienti da più social network, analizzandoli in modo dettagliato. Leggi Talkwalker

Huawei P30 Pro: colore Sunrise e infrarossi

di Elena Tocci

In attesa della sua presentazione ufficiale che avverrà il prossimo 26 marzo, Huawei P30 Pro è ancora protagonista di nuove immagini stampa.
  • 14 Marzo 2019 ore 16:07

Scannerizzare: i migliori parametri per foto e documenti di testo

Tutti sono oggi dotati di almeno uno scanner per foto e documenti: ogni stampante multifunzione integra un dispositivo del genere ed è oggi possibile acquisire un documento e sottoporlo a riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) anche con lo smartphone.

Per scannerizzare un documento con la fotocamera dello smartphone è possibile utilizzare applicazioni apposite come Office Lens o Adobe Scan: Scansione documenti con Android: arriva il nuovo Office Lens e Scansione di un documento dallo smartphone con Adobe Scan.

In questo articolo ci concentreremo però sulle migliori soluzioni per scannerizzare con uno scanner tradizionale, come quelli di cui sono equipaggiati le stampanti multifunzione (vedere Stampante multifunzione: come sceglierla partendo dalle caratteristiche).

Microsoft porta Xbox Live su iOS ed Android

di Filippo Vendrame

Microsoft porta Xbox Live sui dispositivi iOS e Android. Il gigante del software ha annunciato un nuovo kit di sviluppo multipiattaforma per gli sviluppatori di giochi per portare la funzionalità Xbox Live ai giochi che girano su iOS e Android. Questo significa che alcune delle più comuni impostazioni di Xbox Live come i Club, le liste degli amici, i risultati ed altro saranno presto disponibili su iOS e Android.

Leggi il resto dell’articolo

Samsung produrrà uno smartphone full screen

di Luca Colantuoni

Samsung realizzerà uno smartphone “full screen”, ma ciò avverrà non prima di tre anni. Queste sono le parole attribuite a Yang Byung-duk, Vice Presidente del R&D Group Display, e riportata dalla Yonhap News Agency. Anche altri produttori studiano il modo di raggiungere uno screen-to-body ratio del 100%, utilizzando varie soluzioni tecniche.

Leggi il resto dell’articolo

Fernando Alonso ancora negli eSport con Logitech

di Marco Locatelli

Fernando Alonso, due volte campione del mondo di Formula Uno, vincitore della 24 ore di Le Mans e della Rolex 24 di Daytona, e Logitech G, brand di riferimento per la parte gaming, annunciano la loro rinnovata collaborazione attraverso il team FA Racing Logitech G esport, che parteciperà a tornei mondiali attraverso diverse piattaforme e giochi, tra cui: iRacing, Project Cars 2, Gran Turismo, rFactor2 e DiRT 2.0.

Leggi il resto dell’articolo

Wind Tre: Road to 5G, tra futuro e innovazione

di Filippo Vendrame

Wind Tre presenterà domani a Milano “Road to 5G” al Luiss Hub for makers and students di via D’Azeglio. Trattasi di un evento incentrato su innovazione e digital transformation, per scoprire e approfondire i cambiamenti legati a nuove tecnologie e a ecosistemi di quinta generazione. L’appuntamento si svolgerà in collaborazione con Open Fiber e ZTE, partner tecnici dell’operatore. Esperti di settore, studenti, giornalisti, giovani, startupper e visitatori avranno l’opportunità di confrontarsi su come il digitale e l’innovazione stanno radicalmente modificando la vita quotidiana.

Leggi il resto dell’articolo

Attivare il Tema scuro in Chrome su Windows e Mac

di Claudio Pomes
Google ha annunciato che l'ultimo aggiornamento per il browser Chrome, Chrome 73, disponibile per Windows, Mac e Linux. L'aggiornamento di Chrome, che si può fare manualmente andando sul menù...

Continua...
❌