Feed RSS Reader

🔒
❌ Gestione sottoscrizioni⤓
Sono disponibili nuovi articoli, clicca qui per caricarli.
Oggi — 16 Febbraio 2020Motori

RC auto: al via l’assicurazione famigliare

di alVolante
Dal 16 febbraio è in vigore la norma che consente di condividere in famiglia la migliore classe di merito.
  • 16 Febbraio 2020 ore 18:10

Maserati: i piani di rinnovamento della gamma

di alVolante
La Maserati conferma il piano prodotti: nel 2020 la supercar e la Ghibli Ibrida, nel 2021 la GranTurismo, nel 2022 la nuova suv media.
  • 16 Febbraio 2020 ore 14:03

Formula E: risultato dell'e-Prix del Messico 2020

di alVolante
Vince Evans sulla Jaguar che conquista anche la testa della classifica piloti. Classifica e calendario.
  • 16 Febbraio 2020 ore 09:06

Maserati elettrifica la gamma, a partire dalla Ghibli

di Giuseppe Cutrone

Maserati ha annunciato i propri piani per i prossimi anni che vedranno il debutto di nuovi modelli e l'elettrificazione della gamma.

L'articolo Maserati elettrifica la gamma, a partire dalla Ghibli proviene da Motori.it.

Ieri — 15 Febbraio 2020Motori

Pagani Imola: con la pista nel cuore

di alVolante
Omologata per la strada, questa serie speciale di cinque esemplari basata sulla Pagani Huayra ha tutto per dare il meglio fra i cordoli.
  • 15 Febbraio 2020 ore 17:56

Coronavirus: la FCA ferma la fabbrica Serba

di alVolante
Lo stop, secondo indiscrezioni, è legato alla carenza di parti dell’impianto audio provenienti dalla Cina.
  • 15 Febbraio 2020 ore 15:45

Bmw M2 Competition by Futura 2000: opera d’arte da 410 CV

di Redazione

L’esponente della Street Art e del Graffitismo chiamato a personalizzare tre esemplari della compact-coupé bavarese. In programma una serie limitata.

L'articolo Bmw M2 Competition by Futura 2000: opera d’arte da 410 CV proviene da Motori.it.

Meno recentiMotori

Hyundai Prophecy, l’inedita concept elettrica sarà svelata a Ginevra

di Francesco Donnici

L’inedita concept car traccerà la strada stilistica che caratterizzerà i futuri modelli targati Hyundai.

L'articolo Hyundai Prophecy, l’inedita concept elettrica sarà svelata a Ginevra proviene da Motori.it.

Volkswagen Golf GTD, il teaser della nuova generazione

di Francesco Donnici

La nuova Golf GTD adotterà un motore diesel con tecnologia SCR e sfoggerà un design impreziosito da un’inedita firma luminosa.

L'articolo Volkswagen Golf GTD, il teaser della nuova generazione proviene da Motori.it.

Mercedes W11: più audace del previsto

di alVolante
Svelata la monoposto per il campionato 2020 di Formula 1, che potrebbe diventare da leggenda per la Mercedes e Hamilton.
  • 14 Febbraio 2020 ore 09:12

Formula E: ePrix Messico 2020, orari diretta tv gara

di alVolante
Su un circuito rivisto, la Formula E torna in Messico, dove si disputerà il quarto appuntamento stagionale del campionato mondiale per monoposto elettriche. 
  • 14 Febbraio 2020 ore 08:30

Apex AP-0: hypercar elettrica al Salone di Ginevra

di Redazione

Pensata per l’uso in pista potrà scattare da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi e toccare i 280 km/h di velocità massima

L'articolo Apex AP-0: hypercar elettrica al Salone di Ginevra proviene da Motori.it.

Documento unico di circolazione: primi rilasci dal 6 aprile 2020

di Raffaele Dambra

Attestato di rischio dinamico

La sua genesi è risultata piuttosto travagliata ma ormai il countdown è finalmente iniziato e per i primi rilasci del Documento unico di circolazione o DUC bisognerà attendere meno di due mesi. A partite dal 6 aprile 2020, infatti, inizierà la graduale introduzione del nuovo documento che accorpa la carta di circolazione e il certificato di proprietà di ogni veicolo, snellendo le procedure burocratiche relative ad immatricolazioni, passaggi di proprietà, demolizioni e quant’altro. Dovrebbero anche diminuire i costi, ma su questo non c’è ancora certezza (vi terremo aggiornati).

DOCUMENTO UNICO DI CIRCOLAZIONE: CHE COS’È

Ricapitolando, il Documento unico di circolazione riunisce in un solo foglio il certificato di proprietà, attualmente consegnato dall’ACI, e la carta di circolazione, rilasciata dalla Motorizzazione civile. Il nuovo DUC contiene i dati tecnici e di intestazione del veicolo, oltre a tutte le informazioni validate dal PRA relative alla situazione giuridico patrimoniale del mezzo e alla cessazione dalla circolazione conseguente alla sua demolizione o alla sua definitiva esportazione all’estero. Sono inoltre riportate le info su eventuali privilegi e ipoteche, su provvedimenti amministrativi e giudiziari che incidono sulla proprietà e sulla disponibilità del veicolo, annotati presso il PRA, e anche su eventuali provvedimenti di fermo amministrativo.

QUANDO SARÀ RILASCIATO IL DOCUMENTO UNICO DI CIRCOLAZIONE

Previsto dal d.lgs. 98/2017 (cosiddetta ‘Riforma Madia’), il Documento unico di circolazione sarebbe dovuto entrare in vigore prima nel 2018, poi nel 2019 e infine lo scorso 1° gennaio 2020, ma insormontabili difficoltà tecniche e burocratiche ne hanno rallentato l’attuazione. Ora però sembrerebbero non esserci più dubbi, e infatti il Decreto Dirigenziale n.3/2020 del MIT ha disposto le fasi di graduale messa in esercizio delle procedure telematiche per il rilascio del DUC, fissando al 6 aprile 2020 la data delle prime emissioni del documento. Cliccando sul tasto rosso Scarica PDF in fondo all’articolo si può leggere l’intero decreto dirigenziale del MIT che riporta integralmente le nuove disposizioni.

DOCUMENTO UNICO DI CIRCOLAZIONE: DAL 6 APRILE 2020 SOLO PER ALCUNE OPERAZIONI

Come detto, l’introduzione del Documento unico di circolazione avverrà gradualmente nel corso dell’anno e inizialmente non sarà rilasciato per tutte le operazioni ma soltanto per alcune, con l’obiettivo di entrare pienamente a regime entro la fine del 2020. Pertanto dal prossimo 6 aprile il DUC sarà disponibile soltanto per le seguenti richieste:
– minivoltura (quando si vende un veicolo a un concessionario o a un rivenditore di veicoli usati);
– cessazione dalla circolazione per demolizione;
– cessazione dalla circolazione per definitiva esportazione all’estero.
L’adozione del DUC per le succitate operazioni sarà obbligatoria e avverrà in tutti gli STA (Sportello Telematico dell’Automobilista) attivi negli uffici della Motorizzazione e negli uffici ACI-PRA, oltre che nelle agenzie di pratiche auto e nelle delegazioni ACI.

DOCUMENTO UNICO DI CIRCOLAZIONE: ULTERIORI NOVITÀ DAL 4 MAGGIO 2020

Successivamente, dal 4 maggio 2020, il DUC sarà disponibile anche per altre operazioni. Ma in questo caso solo in via facoltativa, nell’attesa di ottimizzare le relative procedure telematiche. Tali operazioni sono:
– immatricolazione, comprese quelle relative ai veicoli importati in Italia da altri Paesi dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo;
– passaggio di proprietà, compresa l’ipotesi di trasferimento in favore degli eredi;
reimmatricolazione per furto, smarrimento, deterioramento e distruzione della targa.

Fino a nuovo ordine le disposizioni fin qui elencate non si applicheranno a:
– passaggio di proprietà di veicoli per la cui destinazione o uso la legislazione vigente impone la sussistenza di requisiti o titoli autorizzativi al servizio di trasporto;
– immatricolazione e passaggio di proprietà di veicoli oggetto di contratto di locazione finanziaria, di usufrutto o di patto di riservato dominio;
– operazioni che presuppongono adempimenti cumulativi o consecutivi.

The post Documento unico di circolazione: primi rilasci dal 6 aprile 2020 appeared first on SicurAUTO.it.

Citroen SM: i cinquant’anni della coupé ammiraglia

di Redazione

Prodotta dal 1970 al 1975 in quasi 13.000 esemplari, la sportiva alto di gamma del Double Chevron è ancora oggi simbolo di classe e personalità.

L'articolo Citroen SM: i cinquant’anni della coupé ammiraglia proviene da Motori.it.

Salone di Ginevra 2020, novità e anteprime

di Redazione

Ecco le principali novità che gli appassionati si attendono all’edizione numero 90 della prima grande rassegna europea.

L'articolo Salone di Ginevra 2020, novità e anteprime proviene da Motori.it.

Ecobonus auto 2020: la soglia delle emissioni scende da 70 a 60 g/km

di Raffaele Dambra

Ecobonus auto 2020

Cambiano leggermente i termini per accedere ai benefici dell’Ecobonus auto 2020, la misura governativa, in vigore già dallo scorso anno e prevista in teoria pure per il 2021 (salvo cambiamenti), creata per incentivare l’acquisto di vetture ecologiche e la rottamazione di mezzi inquinanti. La soglia limite di emissioni di CO2 per accedere al contributo di 2.500 euro scenderà infatti dagli attuali 70 g/km a 60 g/km. Una riduzione che però in termini pratici non dovrebbe produrre particolari effetti, almeno per il momento, e tra poco spiegheremo perché.

ECOBONUS AUTO 2020: COSA CAMBIA CON LA MODIFICA DELLA SOGLIA LIMITE

A proporre la modifica, già approvata dalle commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio della Camera (ma per diventare effettiva dovrà passare l’esame dell’Aula), è stato il deputato dei 5 Stelle Giuseppe Chiazzese con un emendamento al decreto Milleproroghe. Ma cosa cambia nel concreto? Attualmente l’Ecobonus per le auto prevede un incentivo di 4.000 euro per chi acquista una vettura con emissioni fino a 20 g/km (che diventano 6.000 se c’è contestuale rottamazione di un’auto da Euro 0 a Euro 4); e uno di 1.500 euro per l’acquisto di una vettura con emissioni comprese tra 21 e 70 g/km (che diventano 2.500 con la rottamazione). In linea di massima, quindi, il primo contributo riguarda le auto elettriche, che hanno emissioni praticamente pari a zero, e il secondo le ibride plug-in. Di conseguenza, abbassando la soglia limite delle plug-in da 70 a 60 g/km, si spera di orientare il mercato verso vetture sempre meno impattanti, come quelle 100% elettriche.

MODIFICA ECOBONUS AUTO 2020: EFFETTI PRATICI QUASI NULLI

Tuttavia, come spiega un articolo giustamente sferzante di Quattroruote, l’abbassamento della soglia rischia di non avere alcun effetto sul mercato. Dato che nessun modello a listino tra quelli che hanno diritto all’Ecobonus (prezzo di listino non superiore a 50.000 euro + Iva) dichiara emissioni comprese tra 61 e 70 g/km. Pertanto in termini pratici non cambierà assolutamente nulla! Forse, sottolinea sempre Quattroruote, si tratta di una mossa per evitare in prospettiva un precoce esaurimento dei fondi disponibili, visto che la spinta delle aziende automobilistiche sull’alimentazione a basse emissioni potrebbe determinare un aumento della domanda per questa tipologia di vetture. Infatti a gennaio 2020 sono state immatricolate in Italia 1.341 ibride plug-in, quasi quattro volte in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

ECOBONUS AUTO 2020: I FONDI NON UTILIZZATI SONO DESTINATI ALL’ANNO SUCCESSIVO

L’emendamento a firma dell’on. Chiazzese prevede anche che le risorse destinate agli incentivi (70 milioni di euro nel 2020), ma non spese nell’anno corrente, siano assicurate per l’anno successivo. Inoltre tutte le somme recuperate dal maggior costo delle auto più inquinanti saranno utilizzate per incentivare l’acquisto di auto ibride ed elettriche. Consentendo perciò di usare completamente la leva fiscale al fine di incoraggiare investimenti ecosostenibili.

The post Ecobonus auto 2020: la soglia delle emissioni scende da 70 a 60 g/km appeared first on SicurAUTO.it.

Nuova Opel Corsa 2020: i segreti dei fari a matrice di LED

di Redazione

I nuovi abbaglianti intelligenti e i sistemi ADAS che equipaggiano hanno come obiettivo quello di migliorare la vita giornaliera degli automobilisti e soprattutto la loro sicurezza.

L'articolo Nuova Opel Corsa 2020: i segreti dei fari a matrice di LED proviene da Motori.it.

Lynk & Co 01: foto spia del restyling

di Giuseppe Cutrone

Lynk & Co, marchio cinese imparentato con Volvo, lavora al restyling della sua 01 in vista del debutto del modello in Europa.

L'articolo Lynk & Co 01: foto spia del restyling proviene da Motori.it.

Bassi consumi con l’ibrido

di alVolante

L’efficace abbinamento fra il 1.8 a benzina e il motore elettrico della Toyota Corolla garantisce elevate percorrenze con poco carburante. Poche però anche le valigie trasportabili.

  • 14 Febbraio 2020 ore 16:09

Gruppo Renault: il 2019 si chiude in perdita

di alVolante
Scendono numero di auto vendute e fatturato, crolla l’utile netto: da 3,3 miliardi a un passivo di 141 milioni.
  • 14 Febbraio 2020 ore 09:44
❌